Sentenza contro Falcone e Borsellino in Germania. La sorella Maria: “E’ una decisione che ci addolora molto”.

BERLINO (GERMANIA) – Sentenza contro Falcone e Borsellino in Germania. I giudici hanno respinto il ricorso presentato dai familiari nei confronti di un imprenditore. Il manager ha utilizzato il nome dei due giudici per la sua pizzeria.

Il giudice ha operato principalmente in Italia – si legge nelle motivazioni della sentenza, riportate da La Repubblica in Germania è noto solo a una cerchia ristretta di addetti ai lavori e non alla gente comune che frequenta la pizzeria“.

Dura la reazione di Maria Falcone

La sentenza non è stata accettata da Maria Falcone, pronta a presentare ricorso in secondo grado: “E’ una sentenza che ci addolora molto – ha detto la sorella di Giovanni – proprio nel momento in cui il valore del lavoro e dell’eredità umana e professionale di Giovanni Falcone viene riconosciuto a livello mondiale, un magistrato di un Paese che soffre sulla sua carne il pesante ingombro della presenza delle mafie scrive un verdetto simile“.

Tribunale
Tribunale

Maria Falcone: “Faremo ricorso in appello”

La vicenda non è finita qui, come preannunciato da Maria Falcone “Meno di due mesi fa è stata approvata all’unanimità di 190 Paesi una risoluzione che riconosce il contributo dato da Falcone alla lotta al crimine organizzato internazionale. Numerosi, inoltre, sono stati i riconoscimenti che alla figura di mio fratello sono stati tributati da istituzioni ed enti di un Paese contro la Germania che, nel tempo, ha mostrato grande sensibilità ai temi della mafia e della legalità. Faremo ricorso in appello contro un provvedimento che riteniamo ingiusto anche alla luce del valore che assume in una città con una fortissima presenza di italiani che ben conoscono il significato della lotta alla mafia e il sacrificio di chi per la giustizia ha perso la vita“.

Anm contro il Tribunale di Francoforte per la sentenza su Falcone e Borsellino

L’Anm ha espresso il proprio disappunto per le argomentazioni con le quali il Tribunale di Francoforte si è espresso sul ricorso presentato per il caso del cartello di un ristorante, che sull’insegna riporta la scritta Falcone&Borsellino. I giudici tedeschi avevano respinto il ricorso parlando di un sbiadimento della memoria del defunto alla luce del passare degli anni.

Secondo l’Anm quelle dei colleghi tedeschi sono affermazioni offensive e che vanno a ledere la figura, l’operato e la memoria di un simbolo della lotta alla criminalità organizzata.

Inoltre i magistrati italiani esprimono dubbi anche sul fatto che figure come quelle di Falcone e Borsellino possano essere confinate in una nazione. Nonostante operarono principalmente in Italia, i due lavorarono per scardinare un male comune. Quello della criminalità organizzata. Che interessa tutti, che piaccia o meno ammetterlo…

La pizzeria cambia nome

La buona notizia è che i gestori del locale hanno dimostrato grande maturità e rispetto decidendo di cambiare il nome della pizzeria e porgendo le proprie scuse per una scelta evidentemente infelice.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
cronaca Giovanni Falcone Paolo Borsellino

ultimo aggiornamento: 08-12-2020


Chi è Margaret Keenan, la prima donna vaccinata contro il coronavirus (VIDEO)

Addio a Chuck Yeager, il primo uomo a superare il muro del suono