Milan, Elliott ha presentato le sue motivazioni al Tas di Losanna

Sentenza Tas, Elliott ha convinto? Oggi il Milan attende il verdetto

Il Milan attende la sentenza del Tas sull’esclusione dalle coppe europee. Ieri, Elliott ha inviato a Losanna il suo rappresentante Tuil, il quale ha esposto la volontà del fondo di impegnarsi almeno tre anni nel club rossonero.

Dopo le 11 di oggi, 20 luglio, il Milan conoscerà il proprio futuro europeo, con rilevantissime conseguenza in un senso o nell’altro: ieri, a Losanna, il club rossonero si è presentato al Tas per sostenere le proprie motivazioni avverse l’esclusione dall’Europa League decisa dalla Uefa poche settimane fa.

Marco Fassone
Fonte foto https://www.facebook.com/DDDderbyit/

Il dibattimento

Al Tas – come ricostruito da La Gazzetta dello Sport -, ognuno dei presenti aveva trenta minuti per illustrare il proprio punto di vista e rispondere alle domande. L’intervento più lungo è stato quello dell’ad rossonero Marco Fassone, il quale è stato trattenuto davanti alla corte per quasi due ore.

L’impegno di Elliott

Al fianco dell’attuale management del Milan c’era anche Franck Tuil, manager e rappresentante del fondo Elliott, che da domani sarà a tutti gli effetti il nuovo proprietario del club rossonero. “I nostri impegni, in genere, durano almeno tre anni“. Parole importanti che danno il senso della solidità del presente e futuro del Milan. Inoltre, la difesa ha ribadito con forza la disparità di trattamento nei confronti del Diavolo rispetto ad altre squadre (Inter, City e PSG su tutte). Il club di via Aldo Rossi, e Elliott in particolare, attendono febbrilmente la decisione finale del Tas di Losanna in modo da poter poi operare sul mercato per rinforzare la rosa della stagione 2018/19.

ultimo aggiornamento: 20-07-2018

X