Dopo Sergio Zanotti l’Italia ottiene la liberazione di Sergio Favalli, l’imprenditore italiano rapito in Nigeria alla fine del mese di marzo.

Nigeria, liberato l’imprenditore italiano Sergio Favalli. L’intelligence italiana, al termine di una operazione-lampo, è riuscita a liberare l’imprenditore italiano di sessantadue anni che era stato rapito in Nigeria alla fine del mese di marzo.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Nigeria, liberato Sergio Favalli, imprenditore italiano rapito alla fine del mese di marzo

Favalli si trovava in Nigeria dove si era trasferito come impiegato presso il Plot Makero Road a Kaduna, in Nigeria e dove aveva deciso di avviare un’attività imprenditoriale autonoma.

Sul sequestro le autorità italiane avevano deciso di aprire un fascicolo per sequestro di persona con finalità di terrorismo.

Le indagini delle autorità italiane

Non sono state rese note le modalità con cui si è arrivati alla liberazione di Favalli, con l’imprenditore europeo atteso in Italia già nella sera dell’11 aprile, quando il suo aereo atterrerà sul suolo italiano riconsegnando il sessantaduenne all’affetto di amici e parenti dopo i giorni di prigionia.

Non si esclude che, come accaduto per Zanotti, le autorità italiane possano decidere di ascoltare Favalli per ottenere maggiori informazioni sul sequestro, sulle modalità del rapimento, i luoghi dove è stato detenuto e le persone che hanno sequestrato.

Polizia Nigeria

Si tratta del secondo successo delle autorità italiane dopo la liberazione di Sergio Zanotti, rapito in Siria

Si tratta del secondo successo dell’Italia che solo pochi giorni fa era riuscita a liberare Sergio Zanotti, detenuto in Siria per tre lunghi anni.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

ultimo aggiornamento: 11-04-2019


Giappone, scossa di terremoto 6.1

Libia, Giuseppe Conte: La soluzione politica resta l’unica possibile