Morto Sergio Vatta, l’uomo che lanciò talenti del calibro di Vieri e Lentini. Aveva 82 anni.

Il mondo del calcio piange la scomparsa di Sergio Vatta, morto all’età di 82 anni, dopo una vita ricca di successi e soddisfazioni personali.Il soprannome di mago delle giovanili è quantomai appropriato. Parliamo dell’uomo che ha lanciato calciatori del calibro di Vieri, Cravero, Lentini e Fuser. Il suo nome è legato in maniera inscindibile al Torino e il suo nome resta scolpito nella storia del nostro Calcio.

Morto Sergio Vatta, mago delle giovanili del Torino

Vatta è morto all’età di ottantadue anni lasciando un vuoto incolmabile nella storia del calcio.

Per molti siamo di fronte al primo uomo in grado di comprendere il valore del Vivaio e di valorizzare il Settore Giovanile. E non è un caso che per i suoi insegnamenti siano passati calciatori del calibro di Cravero, Fuser, Lentini e Bobo Vieri.

Vieri Torino Vatta

Guida la Primavera del Torino dal 1977 e in pochi anni avrebbe trasformato la squadra in una fucina di talenti, preparando i giovani al calcio vero, quello dei grandi, quello che rischia di schiacciarti se non arrivi preparato al grande appuntamento. E Vatta aveva diversi pregi:individuava i talenti,li faceva crescere dal punto di vista tecnico e tattico. E soprattutto li formava come uomini.

Il cordoglio del Torino

Il Torino ha commentato la notizia con un lungo messaggio di cordoglio pubblicato sui propri canali ufficiali.

“Il Presidente Urbano Cairo e tutto il Torino Football Club – dirigenti, dipendenti, allenatori, calciatori, Settore giovanile – partecipano commossi al dolore della famiglia Vatta per la scomparsa di Sergio Vatta, straordinario scopritore di talenti, finissimo intenditore di calcio, uno dei più grandi maestri del nostro Settore giovanile”.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio cronaca evidenza sport torino

ultimo aggiornamento: 23-07-2020


Sarri, “Le critiche? probabilmente sto sui cog… a qualcuno”

Coronavirus, si abbassa l’età media dei positivi: sono sempre più giovani