Fiorentina-Milan, Gattuso: Con Bakayoko tutto risolto. Crediamo ancora alla Champions

Gennaro Gattuso al termine di Fiorentina-Milan: Per la Champions non bisogna mai mollare. Bakayoko? Tutto risolto, non si deve portare rancore.

È un Gennaro Gattuso visibilmente soddisfatto quello intervenuto ai microfoni di DAZN al termine della partita contro la Fiorentina, vinta dai rossoneri per uno a zero grazie alla rete messa a segno da Calhanoglu.

Fiorentina-Milan, le dichiarazioni di Gennaro Gattuso

Gattuso ha parlato della sfida contro la Fiorentina riconoscendo i meriti alla squadra di Vincenzo Motella che nella ripresa ha messo in difficoltà i rossoneri sfiorando anche il pareggio.

“La Fiorentina ti crea sempre problemi, perchè ha giocatori veloci davanti. Nel primo tempo ci ha aiutato anche l’ambiente, nel secondo tempo non abbiamo più palleggiato e abbiamo rischiato anche di pareggiarla. Ora testa al Frosinone, ce la possiamo ancora giocare”.

Gennaro Gattuso
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Gattuso ha poi parlato della corsa Champions che vede il Milan ancora in corsa per il quarto posto.

“Fino a venticinque giorni fa eravamo in Champions League, c’è rammarico. Dobbiamo crederci. Se andiamo a vedere il campionato che avevamo fatto, è normale che la bocca ce l’avevamo fatta. Ci crediamo ancora, perchè non bisogna mollare”.

Il tecnico rossonero ha commentato anche il digiuno di Piatek che non riesce a ritrovare il gol e paga anche i pochi palloni che arrivano nel corso dei novanta minuti.

“Noi dobbiamo pensare alla squadra. Dobbiamo pensare ad attaccare un po’ di più la profondità. Si sta muovendo bene, ha capito che deve aiutare la squadra. Oggi avrebbe potuto attaccare il primo palo in un paio di occasioni”.

Gattuso: Con Bakayoko tutto risolto

Gattuso ha poi parlato della lite con Bakayoko che ha caratterizzato e agitato l’ultima settimana.

“Io quando parlo non parlo tanto per. Ho tanti difetti e pochi pregi, però quando dico che non porto rancore è vero. Io porto rancore solo a chi non rispetta il gruppo, ora non posso portarlo per il ruolo che faccio. La priorità è il Milan. Avendo fatto tantissime partite so che non bisogna portare rancore. Mi arrabbio quando vedo che non c’è rispetto tra i compagni. Son contento della sua prestazione, abbiamo sbagliato entrambi ma abbiamo risolto già il giorno dopo”.

ultimo aggiornamento: 11-05-2019

X