Milan-Empoli, la conferenza stampa di Gattuso

Ecco le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa dal tecnico rossonero, Gennaro Gattuso, in vista del match di campionato contro l’Empoli.

Serie A, Milan-Empoli anticipo della 25esima giornata di campionato. Alla vigilia del match di San Siro, il tecnico rossonero, Gennaro Gattuso, ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni.

Sul rapporto con Calhanoglu: “Ho un buon rapporto non solo con Calha, ma con tutti i giocatori. È venuto in panchina ad abbracciarmi, sa che non ha vissuto un momento tecnico al massimo. Mi piace coccolare i giocatori che hanno avuto poche opportunità. Ci sono giocatori che si allenano con grande voglia e stanno giocando poco”.

Su Milan-Empoli: “Sono preoccupato, l’Empoli ha cambiato modulo tattico e abbina qualità tecniche a una fase difensiva molto interessante. Non esistono partite facili, la crescita passa da questo tipo di gare. Spero che non venga sottovalutata, sarà una partita molto molto difficile per noi”.

Su Paquetà: “A volte fa facendo l’esterno d’attacco, si scambia con Calhanoglu. Può fare la mezz’ala e la mezza punta”.

Sul possibile turnover: “Abbiamo 3 partite in 8 giorni – ha dichiarato Gennaro Gattuso – è un aspetto da non sottovalutare. Vedremo chi scenderà in campo e con che modulo. Quando si ottengono risultati è difficile cambiare, ma le opportunità ai calciatori bisogna darle. La cosa più importante è non perdere entusiasmo, l’allenatore deve tenere conto di tutto questo”.

Gennaro Gattuso Roma-Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Milan, Gennaro Gattuso: “Higuain è il passato”

Sui complimenti ricevuti: “La vivo male questa cosa. Non voglio complimenti, devo ringraziare la squadra, che sta bene e sta facendo cose importanti. Faccio questo lavoro perché mi piace e perché credo di saperlo fare, non devo sentirmi dire che sono bravo. Certe volte massacrano allenatori che hanno vinto tanto, come Mourinho, Ancelotti, Allegri… Il calcio è così. Ci sono tanti tifosi da tastiera”.

Su Higuain: “Non parliamo più di Gonzalo, in questo momento – ha osservato Gennaro Gattuso – abbiamo un attaccante che sta valorizzando tutto quello che gli arriva, ma i meriti sono di tutti. La squadra è giovane, può crescere ancora tantissimo, l’importante è che c’è la voglia”.

Sulla dirigenza: “Leo, Paolo, Gazidis, sono un valore aggiunto, con loro c’è sempre un confronto, mi hanno fatto crescere. Ci sta che in un rapporto lavorativo si possono vedere le cose in maniera diversa, ma c’è rispetto. C’è un rapporto incredibile, andiamo d’accordo”.

Sul derby: “Non ci pensiamo, dobbiamo essere bravi a trovare la massima concentrazione. Domani voglio lo stesso atteggiamento visto nei primi minuti col Cagliari”.

Sull’Europa League: “Chi non fa le coppe è avvantaggiato, però io preferivo giocare giovedì e poi sabato”.

Gennaro Gattuso
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/photos/

Serie A, Milan-Empoli venerdì 22 febbraio alle 20.30

Sulla possibilità di aprire un ciclo: “Non vado così veloce con la mente, sono uno terra terra, devo passare dai risultati, dal lavoro quotidiano. Ci sono tanti giocatori a scadenza, penso giorno dopo giorno”.

Sul futuro del Milan: “Con Leo e Paolo siamo in buone mani – ha affermato Gennaro Gattuso – hanno dimostrato di sapersi muovere sul mercato, prendendo due giocatori importantissimi come Piatek e Paquetà”.

Su Zapata: “Penso che ne abbia ancora per 7-8 giorni, poi sarà a disposizione del gruppo”.

Su Conti nei tre d’attacco: “Ha le caratteristiche per farlo, per difendere il risultato. Ma lasciamolo nel suo ruolo, è un giocatore importante. Di attaccanti esterni ne abbiamo abbastanza”.

Ecco la conferenza stampa integrale di Gennaro Gattuso:

Coach Gattuso's Press Conference

🗣 Coach Gattuso's press conference on the eve of #MilanEmpoli🎙 La conferenza stampa di Mister Gattuso alla vigilia della sfida di San Siro

Pubblicato da AC Milan su Giovedì 21 febbraio 2019

ultimo aggiornamento: 21-02-2019

X