Serie A 2019-2020, i risultati di sabato 11 luglio: il resoconto

Serie A, pari tra Juve e Atalanta. La Roma vince a Brescia, Lazio k.o. in casa

Serie A, i risultati di sabato 11 luglio 2020. La Lazio perde in casa, bene la Roma a Brescia. La Juve si salva dagli undici metri contro l’Atalanta.

ROMA – Serie A, i risultati di sabato 11 luglio 2020. La trentaduesima giornata si apre con la sconfitta della Lazio contro il Sassuolo. Un k.o. che permette alla Juventus di avvicinare lo Scudetto dopo il pareggio per 2-2 contro l’Atalanta. Tris della Roma a Brescia.

Serie A, i risultati di sabato 11 luglio 2020

Di seguito i risultati della Serie A di sabato 11 luglio 2020, sfide valide per la trentaduesima giornata di campionato. (CLASSIFICA, PROBABILI FORMAZIONI e INFO STREAMING)

Lazio-Sassuolo 1-2
Brescia-Roma 0-3
Juventus-Atalanta 2-2

Maurizio Sarri
Maurizio Sarri

Serie A, Juventus-Atalanta: risultato, tabellino e marcatori

Juventus-Atalanta 2-2

Marcatori: 17′ Zapata D. (A), 55′ rig. Cristiano Ronaldo (J), 81′ Malinovskyi (A), 90′ rig. Cristiano Ronaldo (J)

Juventus (4-3-3): Szczesny; Cuarado, de Ligt, Bonucci, Danilo (57′ Alex Sandro); Rabiot, Bentancur, Matuidi; Bernardeschi (58′ Douglas Costa), Dybala (71′ Higuain), Cristiano Ronaldo. All. Sarri

Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Palomino (75′ Caldara), Djimsiti; Hateboer, de Roon, Freuler (76′ Tameze), Castagne; Gomez A. (69′ Malinovskyi), Ilicic (60′ Ilicic); Zapata D. (70′ Muriel) All. Gasperini

Arbitro: Sig. Piero Giacomelli di Trieste

Note: Ammoniti: Bernardeschi, Cuadrado, Rabiot (J); Pasalic (A). Angoli: 2-4 per l’Atalanta. Recupero: 2′ p.t.; 3′ s.t.

L’Atalanta trova il vantaggio al 17′. Azione manovrata della squadra di Gasperini, la palla arriva a Zapata che con il destro batte Szczesny. Fatica a reagire la Juventus che ha solo una grande occasione con Dybala, Gollini si salva in qualche modo.

Nella ripresa la Juventus riesce subito a pareggiare. Ingenuità di de Roon che tocca la palla con il braccio. Dal dischetto Ronaldo non sbaglia. Dopo il pareggio la Juventus prova a ribaltare il risultato, ma Gollini dice di no a Ronaldo. E nel finale è ancora la Dea a passare in vantaggio con Malinovskyi. Partita infinita allo Stadium. Tocco con il braccio in area di rigore di Muriel. Dal dischetto si presenta Ronaldo che realizza la doppietta. Una rete che consente ai bianconeri di avvicinare lo Scudetto. Per la squadra di Gasperini persa l’occasione di avvicinarsi al titolo.

Serie A, Brescia-Roma 0-3: i giallorossi espugnano il ‘Rigamonti’

Brescia-Roma 0-3

Marcatori: 48′ Fazio, 62′ Kalinic, 74′ Zaniolo

Brescia (3-4-2-1): Andrenacci; Sabelli, Papetti, Chancellor, Mangraviti (86′ Semprini); Bjarnason (58′ Donnarumma Alf.), Tonali, Ndoj (46′ Dessena), Spalek (78′ Ghezzi), Skrabb (46′ Zmrhal); Torregrossa. All. Diego Lopez

Roma (3-4-1-2): Mirante; Mancini (80′ Spinazzola), Fazio, Ibanez; Bruno Peres, Diawara, Veretout (67′ Veretout), Kolarov; Pellegrini Lo. (66′ Zaniolo); Carles Perez (67′ Villar), Kalinic (77′ Dzeko). All. Fonseca

Arbitro: Sig. Gianpaolo Calvarese di Teramo

Note: Ammoniti: Tonali (B); Bruno Peres, Perotti (R). Angoli: 3-8 per la Roma. Recupero: 1′ p.t.; 5′ s.t.

Parte bene il Brescia che crea subito due pericoli con Torregrossa. La reazione della Roma arriva con Veretout. Il ritmo continua ad essere molto basso con nessuna particolare occasione. Andrenacci al 22′ si salva in qualche modo su un tentativo goffo di Chancellor.

Ad inizio ripresa la Roma trova il vantaggio. Dormita del Brescia sugli sviluppi di un corner. Conclusione di Fazio con Andrenacci non impeccabile e la palla termina in rete. Il raddoppio giallorosso porta la firma di Kalinic. Lancio lungo per il croato che controlla e batte Andrenacci. Il portiere delle Rondinelle ha anche qualche responsabilità sul terzo gol realizzato da Zaniolo. La reazione del Brescia arriva con Torregrossa, para Mirante. Poco dopo la Roma va vicino al poker con Dzeko, palla sulla traversa. Nel finale ancora un legno del bosniaco e una conclusione di Torregrossa. Vittoria importante per i giallorossi che mantengono invariato il distacco con l’ottavo posto. Per i lombardi la retrocessione si avvicina.

Serie A, Lazio-Sassuolo 1-2: Luis Alberto illude, Raspadori e Caputo rimontano i biancocelesti

Lazio-Sassuolo 1-2

Marcatori: 34′ Luis Alberto (L), 52′ Raspadori (S), 90’+1 Caputo (S)

Lazio (3-5-2): Strakosh; Bastos, Acerbi, Radu (82′ Vavro); Lazzari M., Milinkovic-Savic S. (67′ Lucas Leiva), Parolo, Luis Alberto (83′ Adekanye), Lukaku J. (46′ Jony); Caicedo (61′ Cataldi), Immobile. All. Inzaghi S.

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Toljan (46′ Muldur), Marlon, Ferrari G. M., Kyriakopoulos; Bourabia, Locatelli M.; Traoré H. (46′ Caputo F.), Djuricic (69′ Haraslin), Boga (79′ Rogério); Raspadori (89′ Magnani). All. De Zerbi

Arbitro: Sig. Marco Di Bello di Brindisi

Note: Ammoniti: Parolo, Immobile, Bastos (L); Muldur, Ferrari G. M. (S). Angoli: 1-5 per il Sassuolo. Recupero: 4′ p.t.; 5′ s.t.

Partita molto divertente all’Olimpico. Prima chance per Immobile, poi il Sassuolo trova il vantaggio con Raspadori, gol annullato per fuorigioco dal Var. Ancora neroverdi pericolosi. Azione personale di Djuricic, la conclusione del centrocampista termina sulla traversa prima di terminare fuori. La Lazio passa in vantaggio al 34′. Volata di Lazzari sulla destra, cross indietro per Luis Alberto che vince un rimpallo con Locatelli e batte Consigli. La reazione del Sassuolo porta la firma di Boga, palla di poco fuori.

Ad inizio ripresa il Sassuolo trova subito il pareggio. Errore in uscita della Lazio, palla in profondità per Caputo. Il neo entrato serve Raspadori che non deve fare altro che appoggiare la sfera in porta con il sinistro. Il match continua ad essere molto divertente. Strakosha salva il risultato su Caputo e poco dopo è Immobile a sfiorare il gol. In pieno recupero il Sassuolo completa la rimonta. Cross sul secondo palo, Ferrari fa la sponda e da due passi Caputo di testa firma l’1-2. Termina qui la sfida. Quarta vittoria consecutiva per il Sassuolo che spera nell’Europa. Terzo k.o., invece, per i biancocelesti che rischiano di dire addio al sogno Scudetto.

ultimo aggiornamento: 12-07-2020

X