Serie A, i risultati di domenica 19 luglio 2020: pari nel big match tra Roma e Inter, vince il Napoli.

ROMA – Serie A, i risultati di domenica 19 luglio 2020. La trentaquattresima giornata emette il primo verdetto: la Spal è la prima squadra retrocessa dopo il k.o. di Brescia. Il Genoa batte il Lecce e spera. Vittorie importanti anche per Sampdoria e Fiorentina. Il Napoli in rimonta supera l’Udinese mentre tra Roma e Inter termina 2-2.

Serie A, i risultati di domenica 19 luglio 2020

Di seguito i risultati delle sfide di Serie A di domenica 19 luglio 2020, valide per la trentaquattresima giornata di campionato. (PROBABILI FORMAZIONI, CLASSIFICA e INFO STREAMING)

Parma-Sampdoria 2-3
Brescia-Spal 2-1
Fiorentina-Torino 1-0
Genoa-Lecce 2-1
Napoli-Udinese 2-1
Roma-Inter 2-2

Antonio Conte Inter-Spal
Antonio Conte

Serie A, Roma-Inter 2-2: Lukaku nel finale salva i nerazzurri

Roma-Inter 2-2

Marcatori: 15′ de Vrij (I), 45′ Spinazzola (R), 57′ Mkhitaryan (R), 88′ rig. Lukaku R.

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Ibanez (74′ Smalling), Kolarov; Bruno Peres, Veretout, Diawara (69′ Cristante), Spinazzola; Pellegrini Lo. (83′ Perotti), Mkhitaryan (83′ Carles Perez); Dzeko. All. Fonseca

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni (82′ D’Ambrosio); Candreva (67′ Moses), Gagliardini (69′ Eriksen), Brozovic, Barella, Young (67′ Biraghi); Martinez L. (67′ Lukaku R.), Sanchez A. All. Conte

Arbitro: Sig. Marco Di Bello di Brindisi

Note: Ammoniti: Pau Lopez (R); Barella (I). Angoli: 8-5 per la Roma. Recupero: 1′ p.t.; 4′ s.t.

La Roma parte bene, ma a passare in vantaggio è l’Inter con il colpo di testa di de Vrij. Il pareggio dei giallorossi arriva sul finale di primo tempo con Spinazzola che realizza l’1-1. Conclusione dalla sinistra dell’esterno dei padroni di casa, de Vrij non riesce ad evitare l’ingresso della palla in rete.

Nella ripresa la Roma trova subito il vantaggio. Rimpallo in area di rigore con Mkhitaryan che batte Handanovic. La squadra di Fonseca sembrava in controllo, ma un’ingenuità di Spinazzola permette ai nerazzurri di pareggiare. L’ex Juve sbaglia il rinvio fermando fallosamente Moses. Sul dischetto si presenta Lukaku: palla da una parte, Pau Lopez dall’altra.

ROMELU LUKAKU
ROMELU LUKAKU

Non succede niente negli ultimi minuti con un punto che non serve a nessuna delle due squadre.

Serie A, Brescia-Spal 2-1: estensi retrocessi

Brescia-Spal 2-1

Marcatori: 42′ Dabo (S); 69′ Zmrhal (B), 90’+3 Zmrhal (B)

Brescia (4-4-2): Joronen; Sabelli, Papetti, Mateju, Semprini; Spalek (46′ Skrabb; 63′ Martella), Tonali, Dessena, Zmrhal; Torregrossa, Donnarumma Alf. All. Diego Lopez

Spal (4-4-2): Letica; Cionek, Salamon, Vicari, Reca; D’Alessandro (66′ Strefezza), Missiroli, Dabo, Tunjov (87′ Valoti); Cerri, Petagna. All. Di Biagio

Arbitro: Sig. Eugenio Abbatista di Molfetta

Note: Ammoniti: Spalek, Torregrossa (B); Reca, Dabo (S). Angoli: 7-4 per il Brescia. Recupero: 2′ p.t.; 4′ s.t.

Al primo tiro in porta la Spal passa in vantaggio. Missiroli serve Dabo che la mette in rete dopo un rimpallo con Joronen.

Nella ripresa ci prova subito il Brescia, ma è la Spal ad avere l’occasione del raddoppio con Cerri, Semprini salva sulla linea. Il pareggio arriva al 69′ con il sinistro di Zmrhal su assist di Donnarumma. All’ultimo assalto il Brescia trova il 2-1 sempre con Zmrhal. Una vittoria che consente alla squadra lombarda di tenere vive le minime speranze di salvezza. Estensi retrocessi.

Serie A, Fiorentina-Torino 2-0: la Viola conquista la salvezza

Fiorentina-Torino 2-0

Marcatori: 2′ aut. Lyanco, 75′ Cutrone

Fiorentina (3-4-3): Terracciano; Milenkovic, Pezzella Ger., Caceres; Lirola, Pulgar, Castrovilli (82′ Ceccherini), Ghezzal R. (68′ Duncan A.); Chiesa (69′ Venuti), Kouamé (57′ Cutrone), Ribéry (82′ Vlahovic). All. Iachini

Torino (4-4-2): Sirigu; De Silvestri (73′ Ansaldi), Lyanco (62′ Edera), Nkoulou, Bremer; Ola Aina, Lukic, Meité (79′ Rincon), Berenguer (63′ Millico); Zaza (62′ Verdi), Belotti. All. Longo

Arbitro: Sig. Maurizio Mariani di Aprilia

Note: Ammoniti: Pezzella Ger. (F); Lyanco, Lukic (T). Angoli: 4-1 per la Fiorentina. Recupero: 3′ p.t.; 5′ s.t.

Subito in vantaggio la Viola con Kouamé. Sirigu beffato dalla deviazione di Lyanco. Partita divertente al Franchi anche se i due portieri non rischiano nulla.

Nella ripresa il match continua a regalare molte occasioni da una parte e dall’altra con Belotti che colpisce il palo. Il raddoppio della Viola arriva poco dopo. Errore di Ansaldi, Ribery lancia Cutrone che non sbaglia. Vittoria importante per la Fiorentina che conquista la matematica salvezza.

Serie A, Genoa-Lecce 2-1: vittoria importante in chiave salvezza per il ‘Grifone’

Genoa-Lecce 2-1

Marcatori: 7′ Sanabria (G), 61′ Mancosu Mar. (L), 81′ aut. Gabriel (G)

Genoa (4-3-1-2): Perin; Masiello A., Romero C., Zapata C., Criscito; Lerager, Schone, Sturaro (13′ Barreca; 90′ Goldaniga); Iago Falqué (53′ Jagiello); Sanabria (46′ Pinamonti), Pandev (90′ Favilli). All. Nicola

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Donati, Lucioni, Paz, Dell’Orco; Barak, Petriccione (83′ Falco), Mancosu Mar.; Saponara; Farias, Babacar (32′ Lapadula). All. Liverani

Arbitro: Sig. Daniele Doveri di Roma 1

Note: al 45’+2 Mancosu Mar. (L) sbaglia un calcio di rigore. Ammoniti: Zapata C., Romero C. (G); Petriccione, Saponara, Lucioni, Liverani (L). Angoli: 3-8 per il Lecce. Recupero: 5′ p.t.; 4′ s.t.

In vantaggio il Genoa al 7′. Sanabria con il destro beffa Gabriel e risolve una mischia in area di rigore. La squadra di Nicola controlla, ma la grande occasione capita sui piedi di Mancosu in pieno recupero. Il capitano dei salentini, però, sbaglia il calcio di rigore.

Nella ripresa spinge sull’acceleratore il Lecce che trova il pareggio al 61‘. Mancosu sbaglia il cross, ma la palla sorprende Perin e fa esultare i giallorossi. I padroni di casa si riportano avanti nel finale. La conclusione di Jagiello finisce sul palo con la palla che termina in rete dopo il tocco sulla spalla di Gabriel. Non c’è più tempo, il Genoa porta a casa una vittoria fondamentale in chiave salvezza.

Serie A, Napoli-Udinese 2-1: Politano decide nel recupero

Napoli-Udinese 2-1

Marcatori: 22′ de Paul (U), 33′ Milik (N), 90’+5 Politano (N)

Napoli (4-3-3): Ospina; Hysaj, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz (80′ Elmas), Lobotka (71′ Demme), Zielinski (80′ Allan); Callejon (70′ Politano), Mertens (32′ Milik), Insigne L. All. Gattuso

Udinese (3-5-2): Musso; Rodrigo Becao, De Maio, Nuytinck; Stryger Larsen, de Paul, Walace (89′ Troost-Ekong), Fofanà, Zeegelar (82′ ter Avest); Nestorovski, Lasagna. All. Gotti

Arbitro: Sig. Daniele Chiffi di Padova

Note: Ammoniti: Milik, Koulibaly, Demme (N); Rodrigo Becao, Walace (U). Angoli: 2-3 per l’Udinese. Recupero: 2′ p.t.; 6′ s.t.

Il Napoli controlla il match, ma è l’Udinese a passare in vantaggio. Cross dalla destra che arriva de Paul. Per l’argentino è un gioco da ragazzi realizzare l’1-0. La reazione arriva con Mario Rui, attento Musso. Il pareggio dei padroni di casa arriva al 32′ con la spaccata di Milik.

Nella ripresa i ritmi si abbassano. Un’occasione per parte: la traversa ferma il tiro di Zielinski, Ospina quello di Lasagna. Ancora un legno protagonista dopo il salvataggio sulla linea di Koulibaly. A sorpresa il Napoli trova il vantaggio in pieno recupero con il sinistro di Politano. Vittoria per i partenopei che rispondono al Milan. I bianconeri restano a quota 36.

Serie A, Parma-Sampdoria 2-3: rimonta doriana al ‘Tardini’

Parma-Sampdoria 2-3

Marcatori: 18′ Gervinho (P), 41′ aut. Bereszynski (P), 48′ Chabot (S), 69′ Quagliarella (S), 78′ Bonazzoli F. (S)

Parma (4-3-3): Sepe; Laurini, Iacoponi, Dermaku, Gagliolo (79′ Siligardi); Hernani (63′ Barillà), Brugman, Kurtic (79′ Dermaku); Kulusevski, Caprari (63′ Inglese), Gervinho (82′ Karamoh). All. D’Aversa

Sampdoria (4-4-1-1): Audero; Bereszynski, Yoshida, Chabot, Murru; Depaoli (46′ Maroni), Ekdal, Thorsby, Jankto; Ramirez G. (46′ Bonazzoli F.); Quagliarella (90’+1 Gabbiadini). All. Ranieri

Arbitro: Sig. Gianpaolo Calvarese di Teramo

Note: Ammoniti: Ekdal (S). Angoli: 4-6 per la Sampdoria. Recupero: 2′ p.t.; 5′ s.t.

Il Parma passa in vantaggio alla prima vera occasione da gol. Gervinho raccoglie il colpo di testa di Caprari, vince il rimpallo con Murru e trafigge Audero. Passano sei minuti i padroni di casa trovano il raddoppio con Caprari, gol che viene annullato dal Var per fuorigioco. Continua a premere la squadra di casa sull’acceleratore con il raddoppio che arriva al 41′. Kulusveski ci prova con un diagonale che viene mandato nella propria porta da Bereszynski.

Ad inizio ripresa la Sampdoria riapre il match. Colpo di testa vincente di Chabot sugli sviluppi di un corner. Dopo il gol la squadra ospite spinge per il pareggio, ma è il Parma che va vicino al 3-1. Punizione perfetta di Brugman, palla sulla traversa. Al 69′ i doriani trovano il pareggio. Thorsby serve Quagliarella che non sbaglia.

Fabio Quagliarella
Fabio Quagliarella

Continuano il forcing gli ospiti che la ribaltano con il diagonale di Bonazzoli. Nel finale la Sampdoria controlla il match e conquista una vittoria chiave nella lotta per non retrocedere.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio calcio news evidenza Inter Napoli News Serie A sport

ultimo aggiornamento: 20-07-2020


Sport italiano in lutto, è morta Alina Seeber

Serie A, le probabili formazioni di Juventus-Lazio