Serie A, i risultati della settima giornata: SPAL-Parma apre il turno mentre sarà il big match tra Inter e Juventus a chiudere il programma.

ROMA – Serie A, i risultati della settima giornata. Ultimo turno prima della seconda sosta delle nazionali. Il programma è aperto dal derby emiliano SPAL-Parma e chiuso dal big match Inter-Juventus. Di seguito tutte le partite:

SPAL-Parma 1-0 (31′ Petagna)
Hellas Verona-Sampdoria 2-0 (9′ Kumbulla , 81′ M. Veloso)
Genoa-Milan 1-2 (40′ Schone, 52′ Hernandez T., 57′ rig. Kessie)
Fiorentina-Udinese 1-0 (72′ Milenkovic)
Atalanta-Lecce 3-1 (35′ Zapata D., 40′ Gomez, 57′ Gosens, 87′ Lucioni)
Bologna-Lazio 2-2 (21 Krejčí, 24 Immobile, 31′ Palacio, 40′ Immobile)
Roma-Cagliari 1-1 (27′ rig. J. Pedro, 31′ aut. Ceppitelli)
Torino-Napoli 0-0
Inter-Juventus 1-1 (4′ Dybala, 18′ rig. Lautaro Martinez, 80′ Higuain)

Serie A 2019 2020
Fonte foto: https://www.facebook.com/SerieA

Serie A, il racconto della settima giornata

Di seguito il racconto della settima giornata:

SPAL-Parma 1-0

Marcatori: 33′ Petagna

SPAL (3-5-2): Berisha E.; Tomovic, Vicari, Igor; Strefezza, Missiroli, Valdifiori (82′ Valoti), Kurtic, Reca; Petagna (85′ Paloschi), Floccari (73′ Sala J.). All. Semplici

Parma (4-3-3): Sepe; Iacoponi, Bruno Alves, Gagliolo, Pezzella Giu.; Kucka, Hernani (59′ Sprocati), Barillà (72′ Inglese); Kulusevski (46′ Scozzarella), Cornelius, Gervinho. All. D’Aversa

Arbitro: Guida di Castellammare di Stabia

Ammoniti: Petagna, Kurtic, Sala J. (S); Hernani, Gagliolo (P). Espulso: al 70′ Strefezza per doppia ammonizione.

Vittoria importante per la SPAL che contro il Parma ottiene i tre punti grazie a una rete messa a segno alla mezz’ora da Petagna. La squadra allenata da Semplici sale così a quota sei punti in classifica provando ad allontanarsi dalla zona rossa.

Hellas Verona-Sampdoria 2-0

Marcatori: 9′ Kumbulla, 81′ Veloso M.

Hellas Verona (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Gunter; Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic (58′ Vitale); Pessina (86′ Henderson), Salcedo (70′ Verre); Stepinski. All. Juric

Sampdoria (3-4-2-1): Audero; Bereszynsky (77′ Gabbiadini), Ferrari A., Chabot; Depaoli, Vieira, Ekdal, Murru; Jankto (58′ Rigoni E.), Bonazzoli F. (64′ Caprari); Quagliarella. All. Di Francesco

Arbitro: Fabbri di Ravenna

Ammoniti: Lazovic (V); Ferrari A., Chabot, Bonazzoli (S)

Vittoria pesante per il Verona che batte a sorpresa la Sampdoria che continua a vivere un momento particolarmente difficile, come confermato dalla scomodissima posizione in classifica.

Genoa-Milan 1-2

Marcatori: 40′ Schone, 52′ Hernandez T., 57′ rig. Kessie

Genoa (3-5-2): Radu; Romero, Zapata C., Criscito (11′ Biraschi); Ghiglione, Radovanovic, Schone, Lerager (88′ Pandev), Pajac; Kouamé, Pinamonti (73′ Favilli). All. Andreazzoli

Milan (4-3-3): Reina; Calabria, Duarte, Romagnoli A., Hernandez T.; Kessié, Biglia, Calhanoglu (46′ Paquetà); Suso, Piatek (46′ Rafael Leao), Bonaventura (81′ Conti A.). All. Giampaolo

Arbitro: Mariani di Aprilia

Note: al 90’+3 Reina (M) para il rigore a Schone (G). Ammoniti: Zapata C., Lerager, Schone, Romero (G); Biglia, Paquetà (M). Espulsi: al 45’+3 Saponara (G) per proteste dalla panchina; al 56′ Biraschi (G) per chiara occasione da gol; al 70′ Calabria per doppia ammonizione; al 90’+4 Castillejo (M) per proteste dalla panchina.

Partita ricca di emozioni con il Genoa che passa in vantaggio nel primo tempo con un calcio di punizione di Schone e un grave errore di Reina. Nella ripresa Paquetà, appena entrato in campo, con una giocata di furbizia manda in porta T. Hernandez che sfonda sulla corsia sinistra e trova il gol con una conclusione sul primo palo. Male Radu. Dopo cinque minuti Leao porta a casa un calcio di rigore per un fallo di mano. Rigore trasformato da Kessié e rossoneri in superiorità numerica.

Fiorentina-Udinese 1-0

Marcatori: 72′ Milenkovic

Fiorentina (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella Ger.; Caceres; Lirola, Pulgar, Badelj (64′ Benassi), Castrovilli (82′ Zurkowski), Dalbert; Chiesa, Ribery (87′ Ghezzal). All. Montella

Udinese (3-5-2): Musso; Opoku, Troost-Ekong, Samir; Stryger Larsen (85′ Stryger-Larsen), Mandragora (78′ Barak), Jajalo, de Paul, Sema; Nestorovski (64′ Lasagna), Okaka. All. Tudor

Arbitro: Prontera di Bologna

Ammoniti: Castrovilli (F); Samir, Opoku (U). Espulso: al 63′ Tudor (U) per proteste

Terza vittoria consecutiva per la Fiorentina di Montella. La Viola al termine di una partita equilibrata conquista il successo contro l’Udinese grazie ad un colpo di testa di Milenkovic.

Atalanta-Lecce 3-1

Marcatori: 35′ Zapata D., 40′ Gomez, 57′ Gosens, 87′ Lucioni

Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Djimsiti, Kjaer (69′ Toloi), Palomino; Castagne, Freuler, de Roon, Gosens; Gomez A.; Ilicic (73′ Malinovskyi), Zapata D. (60′ Muriel) All. Gasperini

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Lucioni, Rossettini, Calderoni; Imbula (86′ Vero), Petriccione (56′ Farias), Majer; Mancosu; Falco, La Mantia (61′ La Mantia). All. Liverani

Arbitro: Di Bello di Brindisi

Ammoniti: Kjaer, de Roon (A); Lucioni, Majer, Rispoli (L)

Dopo trentacinque minuti di dominio l’Atalanta passa in vantaggio con il solito Zapata, che batte il portiere giallorosso con una conclusione potente dalla media distanza. Il raddoppio arrivo al 40′ con Zapata che veste i panni dell’uomo assist, serve un pallone d’oro a Gomez che dal cuore dei sedici metri non sbaglia e fa 2 a 0.

La squadra di Gasperini chiude virtualmente i conti ad inizio ripresa con il gol di Gosens che porta il risultato sul tre a zero per i nerazzurri. Il gol della bandiera del Lecce arriva all’87 con Lucioni che rende meno amara la sconfitta.

Gian Piero Gasperini
https://www.facebook.com/atalantabc/photos/a.2861901050501590/3007235055968188/?type=3&theater

Bologna-Lazio 2-2

Marcatori: 21 Krejčí, 24′ Immobile, 31′ Palacio, 40′ Immobile

Bologna (4-3-3): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Krejci; Poli, Medel, Svanberg (72′ Schouten); Orsolini (82′ Skov Olsen), Palacio, Sansone N. (86′ Santander) All. Mihajlovic

Lazio (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe (61′ Bastos), Acerbi, Radu; Marusic, Milinkovic-Savic S., Lucas Leiva, Luis Alberto, Lulic (80′ Jony); Immobile (61′ Parolo), Correa. All. Inzaghi S.

Arbitro: Orsato di Schio

Note: all’88’ Correa (L) calcia un rigore sulla traversa. Ammoniti: Krejci, Sansone N., Bani, Palacio (B); Luiz Felipe, Lulic (L). Espulsi: al 59′ Lucas Leiva (L) per doppia ammonizione; al 70′ Medel (B) per fallo da ultimo uomo

Il Bologna passa in vantaggio al 21′ con un gol di Krejčí che gira in rete un cross perfetto di Orsolini. Immediato il pareggio della Lazio che agguanta il pari dopo soli tre minuti con un gol di Ciro Immobile. La squadra di Mihajlovic non molla e passa nuovamente in vantaggio con Rodrigo Palacio che firma il gol del 2-1 alla mezz’ora. A cinque minuti dall’intervallo la Lazio agguanta ancora il pari e ancora con il solito Ciro Immobile che calcia in diagonale dalla sinistra, trova una fortunata deviazione e fa 2 a 2.

A una manciata di secondi dal novantesimo Correa spara sulla traversa ul calcio di rigore che avrebbe potuto regalare la vittoria alla Lazio di Simone Inzaghi.

Ciro Immobile Lazio
Ciro Immobile Lazio

Roma-Cagliari 1-1

Marcatori: 27′ rig. Joao Pedro, 31′ aut. Ceppitelli

Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Spinazzola (80′ Santon), Mancini, Smalling, Kolarov; Diawara (31′ Antonucci; 74′ Kalinic), Cristante; Zaniolo, Veretout, Kluivert; Dzeko. All. Fonseca

Cagliari (4-3-1-2): Olsen; Cacciatore, Pisacane, Ceppitelli, Pellegrini Lu. (80′ Mattiello); Nandez, Cigarini, Rog; Nainggolan (75′ Ionita); Joao Pedro, Simeone (59′ Castro L.). All. Maran

Arbitro: Massa di Imperia

Ammoniti: Kolarov (R); Ceppitelli, Cigarini, Simeone, Pellegrini Lu. (C)

I sardi passano in avanti contro la Roma grazie a un calcio di rigore realizzato da Joao Pedro. Massima punizione assegnata dal VAR che ha evidenziato un fallo di mano di Mancini nella propria area di rigore. La squadra di Fonseca agguanta il pari alla mezz’ora con lo sfortunato autogol di Ceppitelli che nel tentativo di anticipare Dzeko ha infilato il pallone alle spalle di Olsen. Rammarico per la squadra di Fonseca che al minuto ottantanove festeggia il ritorno al gol di Nikola Kalinic. La marcatura viene però annullata per una scorrettezza dell’ex Viola.

Torino-Napoli 0-0

Marcatori:

Torino (3-5-2): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Lyanco; Ansaldi, Baselli (71′ Meité), Lukic (83′ Ola Aina), Rincon, Laxalt; Verdi (89′ Iago Falqué), Belotti. All. Mazzarri

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Luperto, Hysaj (34′ Ghoulam); Fabian Ruiz, Allan, Zielinski; Lozano (61′ Callejon), Mertens, Insigne L. (67′ Llorente). All. Ancelotti

Arbitro: Doveri di Roma 1

Ammoniti: Lukic (T); Mertens, Luperto (N)

Finisce con uno scialbo pareggio a reti bianche la partita tra Torino e Napoli Gli Azzurri di Ancelotti approcciano meglio alla gara, poi risentono delle fatiche europee e della condizione non proprio ottimale di alcuni di quelli che dovrebbero essere i trascinatori della squadra. Non bene Insigne, sostituito da Llorente.

Inter-Juventus 1-2

Marcatori: 4′ Dybala, 18′ rig. Lautaro Martinez, 80′ Higuain

Inter (3-5-2): Handanovic; Godin (55′ Bastoni), de Vrij, Skriniar; D’Ambrosio, Barella, Brozovic, Sensi (34′ Vecino), Asamoah; Lukaku R., Lautaro Martinez (78′ Politano). All. Conte

Juventus (4-3-1-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Khedira (62′ Bentancur), Pjanic, Matuidi; Bernardeschi (63′ Higuain); Cristiano Ronaldo, Dybala (71′ Emre Can). All. Sarri

Arbitro: Rocchi di Firenze

Ammoniti: Vecino, Barella (I); Alex Sandro, Emre Can, Pjanic (J)

Vittoria importantissima per la Juventus che a tratti esprime un gran bel gioco mettendo alle corde la squadra di Antonio Conte che fatica ad impostare trame offensive. Alla fine Sarri vince la partita a scacchi con il suo avversario, pesca dal mazzo il jolly Higuain e porta a casa i tre punti.

fonte foto copertina https://twitter.com/Atalanta_BC

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio calcio news Inter Juventus milan Serie A

ultimo aggiornamento: 06-10-2019


Serie A, Milenkovic regala la terza vittoria alla Fiorentina. Battuta l’Udinese

Serie A, Torino-Napoli 0-0. Pareggio a reti bianche, Ancelotti non sorride