Serie A, Bologna-Inter 1-1: Verdi scatenato, Icardi risponde su rigore

I nerazzurri sono riusciti a portare a casa un punto dopo aver chiuso la prima frazione in svantaggio.

chiudi

Caricamento Player...

Frena una delle tre capoliste della Serie A. In attesa dei match di Napoli e Juventus, è l’Inter la prima a interrompere la propria scia di vittorie, pareggiando al Dall’Ara contro un bologna indomito. Gara scialba per gli uomini di Spalletti, che già a Crotone avevano evidenziato un momento di appannamento sul piano del gioco. Quest’oggi, la prova definitiva, avvalorata stavolta anche da un risultato non positivo. Buon punto casalingo, invece, per il Bologna di Donadoni, che però ha non poco per rammaricarsi. Visto l’andamento del match, infatti, raggiungere la vittoria non sembrava impossibile.

Bologna-Inter: super Verdi, Icardi salva i nerazzurri

È un Bologna differente rispetto a quello delle ultime uscite. Palacio, titolare nelle precedenti due gare, è tenuto in panchina per far spazio al rientrante Destro e al talento Petkovic. Una mossa che in qualche modo sembra sparigliare le carte di un’Inter rimaneggiata ma non troppo. Dopo un buon avvio, la squadra di Spalletti finisce per lasciarsi aggredire dal Bologna, che replica la gara giocata contro il Napoli. Le occasioni per i rossoblù si sprecano, ispirate o concluse sempre da uno scatenato Verdi, cui manca solo la precisione. Perlomeno fino al 32′, quando il numero 9 bolognese scarica un sinistro dal limite dell’area che sorprende Handanovic e s’infila a fil di palo alla destra del portiere. Nella ripresa Spalletti prova a cambiare le carte in tavola, toglie uno spento Joao Mario per far spazio a Eder e acquista una nuova vitalità. La rete del pari arriva però solo nel finale, quando Mbaye atterra in area Eder: per Di Bello e per il Var è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Icardi che non sbaglia, regalandosi la sesta rete in campionato e un pari preziosissimo ai nerazzurri. La strada per la completa maturità sembra ancora lunga. Uscire imbattuti iin gare come queste è però già un buon segnale per Spalletti e i suoi.