Serie A, Napoli-Lazio 4-1: gli azzurri calano il poker, altro controsorpasso alla Juve

La sintesi e il commento di Napoli-Lazio, anticipo delle 20.45 della ventiquattresima di Serie A.

Napoli-Lazio, big match della ventiquattresima giornata di Serie A, termina con lo stesso risultato dell’andata: 4-1 per i partenopei. La missione controsorpasso alla Juventus, che ieri aveva vinto soffrendo a Firenze, è ancora una volta andata a buon fine per gli uomini di Sarri. Gara difficile, combattuta, specialmente nel primo tempo, terminato in parità e con un Sarri nervoso ed espulso. Nella seconda frazione gli azzurri hanno però dilagato, trascinati da uno straripante Zielinski. Vittoria partenopea dedicata a Faouzi Ghoulam, ricordato dalle maglie all’ingresso in campo e dalle esultanze di Mertens e compagni.

Serie A, Napoli-Lazio

Gara che parte subito a ritmi altissimi al San Paolo. Dopo soli tre minuti la Lazio di Inzaghi passa in vantaggio: cross di Immobile su cui si avventa de Vrij che tocca quel tanto che basta per mandare fuori causa un Reina poco reattivo. Il Napoli non ci sta e prova una reazione immediata, ma preso da frenesia e nervosismo fatica a trovare spazi in area biancoceleste. La squadra di Sarri con pazienza trova il pari solo a fine primo tempo: lancio lungo di Jorginho per Callejon che parte sul filo del fuorigioco, controlla e col destro supera Strakosha. Nei minuti di recupero allontanato Sarri per aver chiesto reiteratamente l’espulsione di Milinkovic-Savic.

Napoli-Lazio

Nella ripresa subito fuori Hamsik per un problema fisico. Inizio forte del Napoli che sfiora il vantaggio con un destro di Insigne, fuori di pochi centimetri. Pochi minuti dopo ancora Callejon e Insigne sfiorano il 2-1: in entrambe le occasioni miracolo di Radu. Ma è solo il preludio per la marcatura, che arriva al 54′: cross teso e forte di Callejon dalla destra, intervento in scivolata di Wallace che beffa un incolpevole Strakosha. La Lazio subisce il colpo e dopo due minuti crolla: spazio per Mario Rui che prova la conclusione dalla distanza col mancino, la traiettoria viene deviata accidentalmente da Zielinski e diventa imprendibile per l’estremo difensore biancoceleste. La squadra di Inzaghi non riesce più a uscire dalla propria metà campo, e al 70′ finisce per subire anche il quarto gol: Jorginho lungo per Zielinski, gioco di gambe del polacco che premia l’inserimento in area di Mertens, col belga che sfiora d’esterno e beffa Strakosha. Senza ulteriori emozioni, finisce una gara di fondamentale importanza per i partenopei nella corsa scudetto. Per Inzaghi e i suoi terza sconfitta consecutiva: Inter e Roma potranno approfittarne domani.

 

ultimo aggiornamento: 10-02-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X