Il serivizio fotografico The Wrong Turn promuove il sesso di gruppo e fa scandalo

Il fotografo indiano Raj Shetye è finito nella bufera con il servizio fotografico intitolato The Wrong Turn in cui viene promossa la violenza sulle donne e lo stupro di gruppo.

Una ragazza bellissima ed elegantissima si difende da un gruppo di aggressori su un autobus: è questo il tema del servizio di moda del fotografo indiano Ray Shetye intitolato “The Wrong Turn”.

The Wrong Turn  sembra ispirarsi a un episodio di violenza: nel 2012 la ragazza 22 enne Jyoti Singh Pandey, morì dopo essere stata stuprata da sei uomini su un autobus di New Delhi.

L’India, tristemente nota alle cronache internazionali per gli episodi di stupri di gruppo, è stata colpita sul vivo da The Wrong Turn, la campagna pubblicitaria che ha generato moltissime critiche.

Il fotografo è noto per aver firmato molte campagne pubblicitarie fashion, ma per lui The Wrong Turn non ha nulla a che fare con campagne pubblicitarie modaiole, e precisa:

“Essendo parte di una società e come fotografo, questa tematica mi tocca molto profondamente. Faccio parte di una società in cui mia madre, la mia ragazza, mia sorella sono là fuori e qualcosa del genere può succedere loro in ogni momento. Qui però stiamo parlando di arte. Fare film, scrivere articoli, poesie, questi sono i modi di affrontare la questione. Come fotografo di moda, questo è il modo migliore in cui posso farlo. In nessun modo intendevo rendere glamour quel fatto, che è al contrario molto negativo. È solo una maniera di riportarlo alla luce” ha aggiunto per difendersi.”