Sgominata banda di truffatori che operava anche a Rimini

Sgominata banda di truffatori che operava anche a Rimini

Sgominata una banda di truffatori che operava a Rimini e in tutta italia, tra le vittime predilette gli anziani.

RIMINI- I Carabinieri hanno sgominato una banda di truffatori che operava non solo a Rimini e provincia, ma in tutta Italia. Le indagini sono iniziate nell’agosto del 2018 e hanno portato a sgominare un gruppo di criminali che si dedicavano a truffe ad anziani nel Centro e nel Nord Italia.

L’operazioneVulturius“, avvoltoio, è stata lanciata durante il 24 giugno 2019, occupando oltre 100 militari dei Comandi di numerose città Italiane. Rimini, Napoli, Siena, Pistoia, Brescia e Milano.

I provvedimenti cautelari, 11 dei 12, sono stati eseguiti a Napoli e Milano, mentre a Brescia, Rimini e Pistoia sono state effettuati altre perquisizioni nei confronti di altri indagati.

I truffatori colpivano in Italia e all’estero

Le indagini che hanno portato il Nucleo Investigativo di Siena, originariamente, a questa operazione sono nate da episodi avvenuti proprio a Siena. I Carabinieri sono partiti analizzando delle schede telefoniche utilizzate in diverse truffe e intestate a cittadini pakistani.

Questo modus operandi è stato ritrovato in oltre 50 episodi di truffa avvenuti in tutta Italia. Tra i quali, nelle città di Milano, Napoli, Bologna, Rimini e molte altre. La banda ha colpito anche in Marocco e Tunisia.

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

La banda di truffatori aveva sede a Napoli e si occupava non solo di truffe ad anziani, ma anche di vendita di pepite e lingotti d’oro falsi ai negozi. Iniziavano con un primo pezzo “buono” e poi le forniture ai compro oro erano oggetti solo rivestiti d’oro.

La refurtiva che i Carabinieri sono riusciti a recuperare, solo una parte, ammonta a oltre 200.000 €m in denaro e gioielli.

Arrestata la banda di truffatori

Le indagini dei Carabinieri di Siena hanno portato a poter dare indicazioni ai loro colleghi sparsi in tutt’Italia per arrestare i membri di questa banda anche in flagranza di reato.

Tra i reati contestati agli uomini arrestati dalla Procura della Repubblica di Siena ci sono diverse tipologie di associazione a delinquere: finalizzata alla truffa, alla truffa aggravata o all’estorsione; finalizzata al favoreggiamento personale o reale; o per ricettazione.

ultimo aggiornamento: 24-06-2019

X