Si può morire per un selfie

La selfie-mania ha superato il confine del sensato. Crescono i casi di morte per scatti pericolosi. A Torino due ragazze posano sui binari pochi secondi prima dell’arrivo di un treno: sfiorata la tragedia.

chiudi

Caricamento Player...

Assurdità elevata all’ennesima potenza. Eppure nel 2015 bisogna fare i conti anche con questa dirompente e sempre più ignorante moda. La moda di auto-fotografarsi ovunque, al bar come allo stadio, in vetta all’Everest come sulla spiaggia più spettacolare del pianeta. La moda di apparire, in barba alla privacy, la moda di far sapere a tutti cosa si sta facendo e, soprattuto, dove. Si chiamano selfie e il fenomeno da anni ha trovato humus sui social network. Come tutti i fenomeni sociali, però, il contro è dietro l’angolo, il momento in cui si supera il sensato a lì a pochi passi. Così un selfie innocente diventa pericoloso, violento, fatale addirittura da portare il protagonista a rischiare per pochi secondi di gloria la propria vita. E’ successo in ogni angolo del globo e la lista dei casi di morte per scatti oltre la pazzia è già troppo lunga.

Tanto assurdi quanto pericolosi da indurre addirittura uno Stato a stilare un regolamento a protezione dei propri cittadini più squilibrati. Se n’è discusso in Russia, dove secondo l’agenzia di stampa Tass solo nel 2015 si sono contati 10 morti e circa 100 feriti per pose pericolose. “Selfie Selfies”, il vademecum diffuso dal Cremlino, illustra nello specifico le pose da evitare durante un selfie. In India invece, riferisce il quotidiano The Indian Express, alcuni comuni hanno imposto rigorose zone “no selfie” al fine di evitare che, durante le cerimonie di massa (ad esempio quando si pratica il ‘Kumbh Melà’, il pellegrinaggio per l’immersione nel fiume sacro), decine di persone intente a fotografarsi vengano calpestate dal resto della folla.

Ma la moda che più preoccupa genitori e sociologi riguarda quella dei selfie sui binari pochi istanti prima del passaggio di un treno, o appena a lato, nella scarpata, mentre il convoglio sfreccia a un palmo di distanza. Una fenomeno che sta purtroppo dilagando tra i teenager e che proprio in questi giorni ha visto protagoniste due ragazzine di Torino. Una distesa sui binari, l’altra pronta a scattare a qualche metro di distanza…all’orizzonte un Frecciarossa proiettato a tutta velocità. Se il macchinista non si fosse accorto della presenza delle ragazze, e se queste non avessero avuto la prontezza di spostarsi in tempo ed evitare il peggio, saremo qui a raccontare un’altra inconcepibile tragedia.

I SELFIE PIÙ PERICOLOSI, SFOGLIA LA FOTOGALLERY: CLICCA QUI

Fonte foto copertina: web