Simone Inzaghi parla in conferenza stampa prima dell’anticipo di Serie A tra Sassuolo e Inter: ecco le parole del tecnico nerazzurro a proposito delle differenze tra Italia e Europa e l’ipotesi turnover

Simone Inzaghi torna a parlare in conferenza stampa dopo il pareggio in Champions League. Ecco le parole del tecnico nerazzurro prima dell’anticipo di Serie A di domani sera contro il Sassuolo.

La conferenza stampa di Simone Inzaghi

SASSUOLO  «Sarà una partita non semplice, è la settima partita in 20 giorni quindi c’è un po’ di fatica mentale e fisica. Il Sassuolo gioca un buon calcio, ha ottime individualità quindi ci vorrà la vera Inter per fare un risultato positivo».

TURNOVER – «Oggi è il primo giorno che troverò la squadra al completo, valuterò e parlerò con i ragazzi e poi domani mattina sceglierò l’11 migliore per iniziare».

EQUILIBRIO – «L’equilibrio è importante. In Ucraina abbiamo fatto una buona partita a livello difensivo, abbiamo espresso meno il nostro gioco e con un po’ più di cinismo avremmo vinto la partita».

BILANCIO – «Non sono la persona più adatta a parlare di queste cose. La società è stata brava, ha messo in sicurezza il club. Penso che il bilancio dell’anno prossimo sarà migliore di questo ma il club ha fatto un ottimo lavoro perchè ha mantenuto l’ambiente tranquillo e la tifoseria compatta. Gli stipendi sono arrivati con regolarità, quindi c’è fiducia per il futuro».

DIFFERENZE TRA ATTACCO IN ITALIA ED EUROPA – «Penso sia frutto dell’episodio e del momento. Non dovrebbe succedere, ma può succedere perché se costruisci così tanto e non fai gol, vuol dire per forza che è frutto dell’episodio».

CALHANOGLU – «Sono molto soddisfatto di lui, è un ottimo calciatore che abbina qualità e quantità. Ho tanti calciatori in quel ruolo, la panchina iniziale di Kiev non era un riferimento all’Atalanta, contro la Dea mi è piaciuta. Ho tanti centrocampisti che stanno bene, di volta in volta posso fare delle scelte diverse».

I top player e la gestione prima della sosta

HANDANOVIC – «Radu in Coppa Italia al suo posto? Per quanto riguarda la Coppa Italia ci penseremo poi. Handanovic è il nostro capitano, uno dei leader dello spogliatoio. Un grandissimo portiere, per tanti anni farà ancora le fortune dell’Inter».

CONTRO LA LAZIO SENZA SUDAMERICANI –«Ora c’è il Sassuolo, poi sappiamo che sicuramente avremo delle problematiche per quella partita ma ci penseremo a tempo debito. Quello che mi preoccupa di più è la partita di domani contro il Sassuolo».

RUOLO SANCHEZ – «Secondo me Alexis è talemente un giocatore di qualità che può fare il trequartista o la punta. Sta tornando bene dopo l’infortunio in Copa America e sono contento di quello che ci sta dando a partita in corso»

VICE BROZOVIC – «Penso che Marrcelo in quel ruolo è un giocatore molto importante. All’occorrenza ho la possibilità di schierare altri giocatori: contro Sampdoria e Shakhtar ho messo Barella, ma ci sono anche Vecino, Gagliardini».

PRIMO BILANCIO – «Siamo a buon punto, possiamo migliorare ancora. Abbiamo fatto 6 partite di campionato molto buone, ci mancano quei 2 punti che tra Genova e l’Atalanta avremmo meritato. Stiamo tenendo bene il campo, c’è un pizzico di rammarico perchè con tutte le occasioni create in Champions avrei voluto avere più di un punto ma ci sarà tempo per pensarci quando torneremo a giocarla».

calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 01-10-2021


Max Allegri in conferenza stampa: “Derby match complicato. Szczesny e Chiellini titolari, Chiesa possibile falso 9”

Serie A, maledizione vittoria per il Cagliari! Il Venezia di Busio pareggia nel finale