Nasce il sindacato dei lavoratori di Google. E’ il primo assoluto nella Silicon Valley.

ROMA – E’ nato il sindacato dei lavoratori di Google. Come rivelato dal New York Times, un gruppo di oltre 225 persone ha deciso di dare vita a questa associazione per difendere i propri diritti.

Un via libera inusuale, visto che la multinazionale non ha mai accettato una proposta simile. Un braccio di ferro durato diversi anni, ma le richieste da parte dei dipendenti ha portato l’azienda a cedere il passo e autorizzare questo sindacato. I lavori inizieranno nelle prossime settimane e presto potrebbero essere delle battaglie.

Come si chiama il sindacato di Google?

Il sindacato si chiama Alphabet Workers Union. Il nome è stato preso dalla società madre di Google, Alphabet, ed i lavori sono iniziati nel 2020. Mesi molto duri per trovare l’accordo e dare vita a questa associazione, chiamata a prendere le difese di una piccola rappresentanza dei dipendenti a tempo pieno dell’azienda.

I numeri potrebbero aumentare nei prossimi mesi. Il sindacato, infatti, sembra destinato a prendere piede con il passare del tempo. I lavori inizieranno già in questo 2021. E le battaglie sindacali rischiano di creare non pochi problemi a Google.

Google
fonte foto https://www.facebook.com/GoogleIT/

Da Google a Facebook, prime grande per le multinazionali

Non solo Google è alle prese con piccoli problemi in questo 2021. Facebook si è visto condannare dalla Corte di Appello di Milano per aver copiata un’applicazione a dei ragazzi di Milano. Da qui una sentenza che porterà nei prossimi mesi la multinazionale a pagare 3,8 milioni di euro.

L’azienda di Mark Zuckerberg, dopo la condanna in primo grado avvenuta nel 2019, aveva fatto ricorso in secondo grado. La Corte di Appello, però, ha confermato quando deciso dai colleghi di Assise con un risarcimento di 3,8 milioni di euro. Una sentenza che potrebbe essere storica e creare un precedente.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/GoogleIT/


Borse 6 gennaio, Piazza Affari in positivo. Spread sotto i 110 punti

Coldiretti: “Per l’Epifania acquisti diminuiti del 23 per cento”