Nicolò Nicolosi, candidato per il centrodestra, sarà il nuovo sindaco di Corleone: il 76enne ha oltre il 55% quando lo spoglio non è ancora terminato. Pascucci (M5S) al 29%.

CORLEONE (PA) – La Sicilia è andata al voto nella giornata di domenica 25 novembre: data insolita per l’Isola ma le elezioni amministrative riguardavano i comuni di Corleone e Palazzo Adriano, sciolti nel 2016 per infiltrazioni mafiose e posti sotto commissariamento.

fonte foto https://twitter.com/abollis

Corleone, vince Nicolò Nicolosi

Nel comune famigerato per aver dato i natali ai capimafia Riina e Provenzano, si è recato a votare poco più del 61% degli aventi diritti: lo spoglio delle 12 sezioni non è ancora terminato ma il dato è ormai incontrovertibile. Nicolò Nicolosi, con la lista “Nuova Luce” appoggiata dal centrodestra, è in netto vantaggio con oltre il 55% dei suffragi. Molto staccati gli sfidanti: Maurizio Pascucci del Movimento 5 Stelle è al 29%, indietro Antonio Saporito per il centrosinistra. Nicolosi, 76 anni, è stato sindaco dal 2002 al 2007, fallendo in seguito il secondo mandato per appena tre voti, con una coalizione di centrodestra; politico di lungo corso, ha fatto parte della Dc, fondatore del Patto per la Sicilia, poi è entrato nel Mpa di Raffaele Lombardo.

Il risultato a Palazzo Adriano

Nell’altro comune in cui si è votato, Palazzo Adriano, si è recato alle urne il 68,3 per cento degli aventi diritto. Nicolò Granà appoggiato dalla lista civica “SiAmo” ha ricevuto 887 voti; 464 voti sono andati all’altro candidato, Giuseppe Alessi, sostenuto dalla lista “Noi ci mettiamo la faccia”.


Assunzioni in nero nella ditta del padre di Di Maio? La denuncia de Le Iene

Fisco, rischio stangata con la tassa unica sulla casa