Champions League, Roma-Liverpool 4-2: orgoglio giallorosso, ma a Kiev vola Salah

La sintesi di Roma-Liverpool, gara di ritorno delle semifinali di Champions League. All’andata gli inglesi si erano imposti per 5-2.

La Roma non ripete il miracolo. Con il Liverpool finisce 3-2: a Kiev volano gli inglesi. Questa la sintesi di Roma-Liverpool. Serviva un 3-0, o anche un 4-1 alla Roma per riuscire a ottenere una finale che l’avrebbe consegnata alla leggenda, specie dopo il ko di Liverpool. Non è bastata la vittoria, pur coraggiosa, ottenuta contro un rivale guardingo ma pungente.

Esce però tra gli applausi meritatissimi del proprio pubblico la squadra di Di Francesco. Il sogno Champions per quest’anno finisce qui. Questa Roma però ha dimostrato di poter giocare da protagonista anche una manifestazione di tale importanza. L’appuntamento è rinviato alla prossima stagione…

Champions League, la sintesi di Roma-Liverpool

Inizio da incubo per la Roma: Nainggolan sbaglia a centrocampo, Firmino intercetta e lancia Mané, che col sinistro supera Alisson portando gli inglesi in vantaggio. La reazione giallorossa non si fa attendere e dopo soli 4 minuti la squadra di Di Francesco trova il pari grazie a una sfortunata autorete di Milner.

La gara è ancora frizzante, il Liverpool punge e al 25′ ripassa in vantaggio: su calcio d’angolo sponda involontaria di Dzeko per Wijnaldum, che da due passi non sbaglia. La reazione della Roma è ancora veemente, ma stavolta la conclusione di El Shaarawy sbatte sul palo.

Roma-Liverpool

Nonostante le quattro reti da dover recuperare per poter andare ai supplementari, la Roma non demorde e a inizio ripresa trova subito la rete del 2-2: grande giocata di El Shaarawy, Karius respinge sui piedi di Dzeko che a porta sguarnita non può mancare la rete. Passano pochi minuti e, al termine di un’azione convulsa, una conclusione di El Shaarawy viene stoppata da Lovren col braccio larghissimo: l’arbitro però lascia correre.

Passano i minuti, il Liverpool concede meno sbavature in difesa e la Roma riesce a dare poca continuità ai suoi attacchi. A quattro minuti dalla fine però un siluro di Nainggolan da fuori area bacia il palo e supera l’incolpevole Karius. Roma in vantaggio, a due gol dai supplementari. Tutto l’orgoglio giallorosso porta a un calcio di rigore nel recupero, messo a segno ancora da Nainggolan. 4-2, Roma a un passo dai supplementari, ma non c’è più tempo: a Kiev ci vola il Liverpool di Klopp.

Can Roma coach Di Francesco inspire a comeback? 🤔 #UCL

A post shared by #UCL (@championsleague) on

ultimo aggiornamento: 02-05-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X