Siria, venti di guerra dagli USA: “Decisioni importanti nelle prossime ore”

Il presidente americano Donald Trump condanna la strage di civili in Siria e non esclude la possibilità di un intervento.

La Siria preoccupa Donald Trump. Dopo l’attacco probabilmente chimico che sabato ha fatto strage di civili a Duma, questa notte in un raid aereo a Homs sono state colpite basi militari siriane. Secondo quanto riferito dall’Ansa, vi sarebbero almeno dodici militari morti, tra cui alcuni soldati iraniani.

L’attacco sarebbe stato portato da alcuni caccia israeliani, ma in un primo momento si era pensato a un intervento americano. D’altronde, Donald Trump ha chiarito di non escludere alcuna opzione per la situazione siriana. Ferma la condanna del presidente sull”odioso attacco’ contro civili. Un attacco che non dovrebbe rimanere impunito: “Nelle prossime 24-48 ore prenderemo qualche decisione importante“.

Siria, Donald Trump: “Tutti pagheranno un prezzo

Il tycoon ha quindi aggiunto: “Tutti pagheranno un prezzo per il presunto attacco chimico in Siria, anche Putin se ha responsabilità. Potrebbe averne, e se ce l’avrà sarà dura, molto dura“.

La risposta russa è arrivata tramite il ministro degli Esteri Lavrov: “Sapete che abbiamo degli obblighi nei confronti della Siria e i nostri militari hanno già espresso i loro commenti. Obblighi basati sul nostro accordo concluso con il legittimo governo della Repubblica araba siriana che, per inciso, è uno stato membro delle Nazioni unite“.

Secondo fonti russe non sarebbero state trovate tracce di cloro e altri agenti chimici nelle zone dell’eccidio di due giorni fa.

 

Siria
Fonte foto: s://www.facebook.com/pg/FronteEuropeoPerLaSiria

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 09-04-2018

Mauro Abbate

X