Sirio Maccioni è morto all’età di 97 anni a Montecatini. Una vita dedicata alla cucina.

ROMA – La cucina italiana e internazionale piange Sirio Maccioni, morto all’età di 97 anni. L’imprenditore nato a Montecatini è uno dei più conosciuti in tutto il mondo per aver fondato Le Cirque a New York, uno dei ristoranti più famosi non solo negli Stati Uniti.

La scomparsa del ristoratore è stata confermata anche dalla famiglia. Non sono state comunicate, però, le cause con i figli e tutti i parenti che hanno preferito mantenere il massimo riserbo. “Se n’è andato serenamente – ha detto il figlio Mauro ai microfoni di Repubblica era pronto“.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Chi era Sirio Maccioni

Nato a Montecatini nel 1932, Sirio Maccioni è uno dei ristoratori più conosciuti in tutto il mondo. La sua carriera è iniziata a Montecatini ma la fortuna è arrivata a New York quando ha deciso di scommettere sul locale Le Cirque.

Una struttura diventata subito conosciuta in tutto il mondo tanto da ospitare quasi ogni giorno modelli, potenti finanziari, divi di Hollywood, intellettuali, Papa Giovanni Paolo II e i presidente degli Stati Uniti e le loro First Lady. Al centro dell’attenzione, come sempre, il cliente con molti chef che sono durati poco. “Ho preteso sempre che lo chef cucinasse ciò che piace ai clienti – ha detto in un’intervista il ristoratore – non ciò che accarezza il proprio ego“.

SH_ambulanza
SH_ambulanza

Sirio Maccioni morto

La morte di Sirio Maccioni è stata annunciata dal figlio Mauro. “Se n’è andato serenamente – ha assicurato – era pronto“. Massimo riserbo sulle cause con i funerali che si svolgeranno in maniera privata visto l’emergenza coronavirus.

Il suo nome, comunque, resterà per sempre legato al mondo della cucina con i suoi ristoranti che continueranno a fare il proprio lavoro. E al termine di questo periodo possibile un ricordo dell’imprenditore.

ultimo aggiornamento: 20-04-2020


Roma, tenta di uccidere la compagna: arrestato 22enne

Lutto nel mondo della fotografia, addio a Peter Beard