Social lending in Italia, come funziona e quanto è diffuso

Cosa significa social lending? Che sviluppo ha in Italia e come funziona. Una guida sul tema.

chiudi

Caricamento Player...

Social lending

Spesso si sente parlare di prestiti e generalmente questo termine assieme a quello di “finanziamento” fanno pensare a istituti di credito e banche, il social lending è invece un sistema alternativo di prestito, che non fa richieste ne ad istituti di finanziamento, ne alle banche.
Entrando nello specifico, viene definito social lending quel prestito che fa leva sui privati, in Italia è questo il metodo più richiesto e diffuso.

La mediazione di questi finanziamenti è fatta dal Web, attraverso dei costi fissi più contenuti, delle società vanno ad offrire tassi di interesse più altruisti, al fine di raccogliere maggiore denaro.

Questo mercato alternativo in Italia

La domanda è se esiste effettivamente spazio di mercato per questa formula social di prestito, la risposta è che certamente ha molte potenzialità questa forma di finanziamento.
Un analisi è stata formulata dall’osservatorio sul crowdlending del Politecnico di Milano.
Questo osservatorio ha preso in considerazione le prime quattro società di social lending:

  • Smartika
  • Prestiamoci
  • Soisy
  • Borsadelcredito

E tale analisi è stata svolta sugli anni 2014 e 2015.
Ciò che è emerso rappresenta una prospettiva su questo tipo di investimento e di finanziamento, dai dati raccolti emerse la raccolta di 7,5 milioni di euro dagli investitori.
Altro dato interessante sullo sviluppo in Italia di questo sistema alternativo, è quello raccolto nel mese di giugno di un anno fa (2016) che vedeva le quattro aziende sopra menzionate come prestatrici di quote molto alte di denaro, circa 28,2 milioni di euro, 23,2 dei quali unicamente da Smartika che in media ha attribuito cinquemila euro a fronte di 4.591 prestiti nel primo semestre del 2016, poi vi è il dato su Borsadelcredito che mediamente ha assegnato 14.700 euro per una sommatoria di 131 progetti, per la metà nei settori dei servizi e del commercio.

certificato_unicasim