Sofia Goggia portabandiera alle Olimpiadi invernali di Pechino 2022. La decisione è stata presa dal Coni.

ROMA – Sofia Goggia portabandiera alle Olimpiadi invernali Pechino 2022. Alla vigilia dell’inizio della stagione dello sci alpino, il Coni ha sciolto tutte le riserve e deciso di affidare la bandiera alla cerimonia di apertura alla bergamasca. Un grande onore sicuramente per Sofia, chiamata a difendere la medaglia d’oro conquistata nel 2018 in discesa e cercare di portare a casa un podio anche in Super G e nel Gigante.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Michela Moioli portabandiera alla cerimonia di chiusura

Ma le soddisfazioni per la Bergamo sportiva non sono finite qui. La cerimonia di chiusura, infatti, vedrà la bandiera nelle mani di Michela Moioli. “Sono molto contenta – ha detto l’azzurra riportata da SportmediasetSofia apre e io chiudo, ancora una volta siamo unite […]. E’ un grande orgoglio di essere stata scelta per questo ruolo ed è un grande simbolo sia per me che per la mia disciplina che inizia a prendere una certa importanza […]“.

E Michela spera di poter festeggiare questa scelta già nelle prossime uscite ufficiali anche se l’obiettivo principale resta sempre confermare l’oro olimpico di quattro anni fa. Le scelte ormai sono state fatte, non resta che aspettare qualche mese per vedere gli azzurri protagonisti a Pechino.

Italia
Italia

Malagò: “La consegna della bandiera il 23 dicembre”

Soddisfatto delle scelte anche Malagò. “Chi ha vinto una medaglia d’oro – ha spiegato il presidente del Coni – è giusto che venga consacrato […]. In Corea sono stati vinti tre ori al femminile e in questo caso una persona come Arianna Fontana aveva già ricoperto questo ruolo. Sofia Goggia sarà la portabandiera nella cerimonia di apertura e Michela in quella di chiusura. La consegna della bandiera è in programma il 23 dicembre al Quirinale“. E le Olimpiadi sono sempre più vicine.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 22-10-2021


Chi era Marco Simoncelli: il ricordo a dieci anni dalla drammatica scomparsa

Oscar dell’atletica, esclusi Jacobs e Tamberi