Il ministero della Salute ha dato il via libera alla somministrazione del vaccino contro il Covid insieme a quello antinfluenzale.

ROMA – Il ministero della Salute ha dato il via libera alla somministrazione del vaccino contro il Covid insieme a quello antinfluenzale. In una comunicazione inviata alle Regioni, il Dicastero, ha ricordato come sarà possibile effettuare la somministrazione nella stessa seduta vaccinale.

Un passaggio che non dovrebbe cambiare molto i programmi in Italia. Il piano del commissario Figliuolo prosegue senza particolari intoppi e nei prossimi mesi si spera di raggiungere quella cifra che consentirà di allentare definitivamente le misure restrittive.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La nota del ministero della Salute

Nella circolare, citata dall’Adnkronos, è precisato che “in considerazione dell’avvicinarsi della campagna anti-influenzale stagionale è raccomandata e offerta attivamente e gratuitamente siano allo stesso tempo eleggibili per la vaccinazione anti-Covid“.

Sebbene – si legge ancora – nelle schede tecniche dell’Ema non siano presenti indicazioni relative alla loro somministrazione concomitante con altri farmaci, tenendo conto delle attuali indicazioni espresse dalle principali autorità e dei dati preliminari a disposizione, sarà possibile programmare la somministrazione di due vaccini nella stessa seduta“.

Vaccino Covid
Vaccino Covid

Circolare inviata alle Regioni

La bozza della circolare è stata inviata alle Regioni e nei prossimi giorni dovrebbe essere pubblicata dal ministero della Salute. C’era sicuramente tanta curiosità per capire se i due vaccini potevano essere somministrati nella stessa seduta oppure bisognava aspettare qualche giorno.

Gli esperti hanno confermato che le due iniezioni possono essere fatte nello stesso momento e nei prossimi giorni si inizierà anche con questa nuova campagna. Si tratta di un passaggio fondamentale per cercare di evitare questa nuova epidemia. Il consiglio, in caso di influenza, è sempre quello di restare a casa e chiamare il proprio medico per spiegare i sintomi. E successivamente si capirà se sarà necessario effettuare un tampone in modo precauzionale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 02-10-2021


Coronavirus, i vaccinati non contagiano come i non vaccinati

Incidente in montagna in Piemonte, morto un escursionista