I primi sei mesi al Governo non hanno permesso alla Lega di aumentare i propri consensi al Nord. Più fiducia nel Carroccio al Sud.

ROMA – I primi sei mesi al Governo per la Lega sono trascorsi ed ora è arrivato il tempo di fare un primo bilancio. Le notizie – almeno secondo quanto riportato dal Corriere della Sera – per il partito di via Bellerio non sono sicuramente positive. Gli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto da parte dei cittadini ha visto un piccolo calo al Nord.

Una percentuale superiore al 40 ma bisogna registrare questo piccolo calo. Nessuna particolare preoccupazione da parte del Carroccio che hanno confermato la loro tranquillità. I motivi del segno meno sono tanti ma in caso di approvazione definitiva dell”autonomia di alcune regioni la situazione potrebbe cambiare completamente. Per questo in via Bellerio rimangono tranquilli in vista delle prossime elezioni Europee.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://twitter.com/notiveri

Governo, la Lega aumenta i consensi al Sud

Se al Nord c’è una piccola flessione che fino a questo momento non dovrebbe intaccare il sogno di una possibile maggioranza da sola, le buone notizie della Lega arrivano dal Sud. La politica di Matteo Salvini ha fatto aumentare il consenso. Quasi il 30% degli aventi diritto al voto nel Meridione sono pronti a dare la propria preferenza al Carroccio.

Sicuramente una news che farà piacere in via Bellerio. Il sogno di governare da soli nella prossima legislatura per i leghisti non è svanito. Questi cinque anni di alleanza con il M5s serve come un esame che fino a questo momento sembra essere superato anche se non proprio con voti pieni. I prossimi mesi saranno fondamentali con le Europee il secondo scoglio fondamentale per capire meglio la situazione. Se dovesse essere confermato il plebiscito per Matteo Salvini si potrebbero aprire in futuro le porte di Palazzo Chigi.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/salviniofficial/


Scuola, accordo MIUR-sindacati: firmato il contratto mobilità

Manovra, il Senato conferma la fiducia. Il PD: ricorso alla Corte Costituzionale