Sondrio, trovato il corpo senza vita di Mattia Mingarelli. Era scomparso lo scorso 7 dicembre  dopo essersi recato al rifugio dei Barchi.

Si sono concluse le ricerche di Mattia Mingarelli, il trentenne di Albavilla, in provincia di Como, scomparso lo scorso 7 dicembre. Gli inquirenti hanno trovato il corpo senza vita a Chiesa (Valmalenco).

Sondrio, trovato il corpo senza vita di Mattia Mingarelli, il trentenne scomparso il 7 dicembre

Al momento non sono ancora chiare le dinamiche della sparizione e della morte del trentenne. Il corpo senza vita di Mattia è stato trovato a poca distanza da un rifugio e la Procura ha deciso di aprire un fascicolo per provare a ricostruire gli ultimi giorni di vita del giovane, i motivi della sua sparizione, quanto accaduto nei giorni tra la sua scomparsa e la sua morte e soprattutto le cause del decesso. L’autopsia sul corpo del trentenne aiuterà a stabilire la data e le cause della morte.

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Ancora da chiarire le cause del decesso

Mattia si era recato proprio in prossimità del rifugio dei Barchi – dove è stato ritrovato il suo corpo senza vita – per trascorrere alcuni giorni di vacanza in occasione del ponte dell’Immacolata. Poco dopo il suo arrivo è stata denunciata la sua scomparsa, ancora avvolta nel mistero.

Le indagini degli inquirenti: ascoltato il proprietario del rifugio come persona informata dei fatti

In un primo momento gli inquirenti hanno ascoltato proprio il gestore del rifugio alpino, interrogato come persona informata dei fatti. Proprio lui infatti sarebbe stato l’ultimo a vedere Mattia prima della sua scomparsa. Stando alle indiscrezioni emerse in seguito al ritrovamento del cadavere, non si escluderebbe al momento l’ipotesi dell’omicidio.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
chiesa cronaca evidenza Valmalenco

ultimo aggiornamento: 25-12-2018


Sant’Angelo Lodigiano, ricoverati diciassette ragazzi per intossicazione da monossido

Migranti, l’appello di Sea Watch: “Abbiamo bisogno di un porto sicuro”