Due sorelle investite a Piacenza da un pirata della strada. Una è morta, la seconda è in gravi condizioni. Arrestato il conducente.

PIACENZA – Due sorelle sono state investite in provincia di Piacenza. Il grave incidente è accaduto a Ferrai di Vernasca nella serata di sabato 19 dicembre 2020. Una delle donne è morta sul colpo, mentre la seconda è stta trasportata in gravi condizioni in ospedale.

Rintracciato e arrestato il conducente della vettura. Si tratta di un uomo di 35 anni, risultato con un tasso alcolemico tre volte superiore al limite. E’ stato trasferito in carcere e nelle prossime ore sarà interrogato dagli inquirenti.

Due sorelle investite nel Piacentino

La ricostruzione è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, le due donne stavano passeggiando con il cane quando l’auto, dopo aver sbandato in semicurva e colpito due cassonetti, le ha travolte in pieno.

Per la 55enne non c’è stato niente da fare. Troppo gravi le ferite riportate e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Per la sorella di 53 anni è stato deciso il trasferimento all’ospedale di Parma. Le sue condizioni sono gravi e i medici non hanno ancora sciolto la prognosi.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Arrestato il conducente della vettura

Il conducente dell’auto non si è fermato a prestare soccorso. Una fuga durata solo qualche ora, visto che la vettura ha perso la targa e gli inquirenti sono riusciti a rintracciarlo dopo poco tempo.

L’uomo presentava un tasso alcolemico tre volte sopra il limite ed è stato trasportato in carcere. Un incidente avvenuto nel giorno della condanna del figlio del regista Genovese per la morte di Gaia e Camilla. Una sentenza a otto anni di carcere per il giovani arrivata ad un anno dalla tragedia di Corso Francia a Roma.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
cronaca Piacenza

ultimo aggiornamento: 20-12-2020


Indignazione a Taranto, poliziotto prende a calci il cane Max. L’agente: “Ho difeso donna e bambino”

Sono arrivati in Italia i pescatori sequestrati in Libia