Quindici giorni di sospensione per diciannove deputati del M5s protagonisti della protesta in aula.

Decisi quindici giorni di sospensione per i diciannove deputati del Movimento 5 stelle protagonisti di una protesta in aula durante la diretta tv, provocandone così l’interruzione. I deputati hanno esposto diversi cartelloni polemici legati alla questione dei vitalizi.

Quindici giorni sono invece stati comminati ai 36 deputati che hanno provato a fare irruzione negli uffici della Presidenza in occasione del voto sulle delibere sui vitalizi. Tra i deputati sanzionati per la tentata irruzione, come specificato dall’Ansa, figurano Alessandro Di Battista, Giuseppe Bresca, Massimo De Rosa (unico che riuscì ad entrare), Danilo Toninelli, Michele Dell’Orco, Marco Brugnerotto.

Grillo: “Questo paese lo cambiamo insieme, il futuro è in mano a voi

Torna intanto a parlare attraverso il proprio blog il leader del Movimento Beppe Grillo: Questo Paese lo cambiamo insieme, il nostro futuro è in mano a voi, le nostre menti migliori, le passioni più sentite. Non serve più incazzarsi, lasciamogli i loro stessi avanzi e pensiamo alle idee di buon senso davvero condivise. E’ ora di immaginare il futuro ed essere propositivi. Il MoVimento 5 Stelle è pronto a prendere l’onere di governare, voi siete pronti a mettervi a disposizione per l’Italia? Scatterà a settembre la loro pensione dopo 4 anni e mezzo di lavoro, la mensa per i cervelli poveri che gli saranno avanzati in testa. Basta stare alla larga dai pensionati alla fame e dai disoccupati, da chi ha bisogno di avere indietro qualcosa dallo Stato per il quale si è svenato. Ancora più estrema, nella sua paradossale evoluzione, la credenza che davvero qualcosa ci sarà per loro, qualcosa di cui non si siano indebitamente appropriati. Devono solo proseguire una strada stretta e buia. In fondo alla quale il giorno delle elezioni ci sarete voi, cittadini, che saprete come accoglierli“.


Terrorismo, sgominata cellula jihadista: arrestati tre kosovari a Venezia

Brindisi, avvocato uccide a colpi di pistola un proprio cliente dopo una lite