Gli uomini delle forze dell’ordine hanno eseguito otto misure cautelari per spaccio di droga a Milano. Tra gli arrestati ci sono anche tifosi del Milan.

È scattata nella mattinata del 17 dicembre l’operazione degli uomini delle forze dell’ordine che hanno eseguito otto misure cautelari per spaccio di droga a Milano: quattro soggetti sono ai domiciliari, tre sono stati trasferiti in carcere e per una persona p scattato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria con divieto di dimora. Tra i soggetti fermati ci sono anche ultras del Milan, quindi tifosi della tifoseria organizzata.

San Siro
San Siro

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Indagini sullo spaccio di droga a Milano, eseguite otto misure cautelari: in quattro agli arresti domiciliari

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, gli indagati portavano a Milano ingenti quantità di droga provenienti principalmente dal Marocco e dall’America del Sud. L’operazione del 17 dicembre si colloca proprio in questo contesto investigativo. Gli uomini delle forze dell’ordine hanno eseguito otto misure cautelari. Quattro persone si trovano agli arresti domiciliari, tre si trovano in carcere e per un soggetto è scattato l’obbligo di dimora.

Carabinieri
Carabinieri

Arrestati anche ultras del Milan, escluso il coinvolgimento delle tifoserie organizzate

Secondo quanto riferito da SkyTG24, tra i soggetti destinati delle misure cautelari ci sono anche ultras del Milan, membri della tifoseria organizzata. Tra i soggetti fermati c’è anche il capo della Curva Sud del Milan, ossia Luca Lucci, già al centro di diverse inchieste e venuto alla ribalta per una foto al fianco di Matteo Salvini in occasione della grande fesa per i 50 anni della Curva Sud. Le indagini degli inquirenti hanno escluso il coinvolgimento delle tifoserie organizzate, quindi le misure sono a titolo personale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

milan

ultimo aggiornamento: 17-12-2021


Giancarlo Magalli condannato per diffamazione aggravata

Incendio in un campo nomadi in Provincia di Foggia, morti due bambini di 2 e 4 anni