Sparatoria davanti a un locale notturno a Melbourne, un morto e tre feriti. Si indaga nel mondo della criminalità organizzata.

È di un morto e tre feriti il bilancio della sparatoria avvenuta davanti a un locale notturno a Melbourne, dove un uomo ha aperto il fuoco contro la folla per motivi ancora da chiarire.

Sparatoria a Melbuorne, la prima ricostruzione dei fatti. Il killer ha sparato da una macchina rubata

Stando alle ricostruzioni basate sulle prime testimonianze, qualcuno ha sparato da un macchina contro le persone che si trovavano davanti al Love Machine. Dalle indagini degli investigatori risulta che la macchina dalla quale sono stati esplosi i colpi di pistola risulta rubata.

Il sicario avrebbe aperto il fuoco contro il proprietario del locale e le persone che si trovavano con lui, tra cui una guardia giurata, che dovrebbe essere la vittima dell’attacco.

Un morto e tre feriti: il bilancio dell’agguato al Love Machin

Il bilancio, inizialmente di quattro feriti, si è purtroppo aggravato nel corso delle ore e conta ora un morto e tre feriti. Non si esclude che il numero delle vittime possa aumentare ulteriormente alla luce delle condizioni di una delle persone rimaste coinvolte nella sparatoria, ricoverato in codice rosso in condizioni gravissime.

Le indagini degli inquirenti

Le indagini degli inquirenti si concentrano sulla criminalità organizzata locale. Secondo gli investigatori, la stesa, compiuta nelle stesse modalità con cui agisce la Camorra a Napoli, potrebbe essere stata compiuta da una banda che aveva provato ad estorcere denaro al proprietario del locale.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Australia esteri evidenza Melbourne

ultimo aggiornamento: 14-04-2019


“Silvia Romano è viva”, le ultime dal Kenya

Il primo volo dello Stratolaunch, l’aereo più grande del mondo