Sparatoria a Ciampino, un morto e un ferito. La Procura ha aperto un’indagine per ricostruire la dinamica.

CIAMPINO (ROMA) – Sparatoria a Ciampino (Roma) nel pomeriggio di mercoledì 13 maggio 2020. Un uomo è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre un altro è rimasto ferito. Quest’ultimo è ricoverato in gravi condizioni al Sant’Eugenio con i medici che non hanno ancora sciolto una prognosi.

La Procura ha aperto un’indagine per cercare di ricostruire la dinamica di questo omicidio. Il killer è stato fermato poco dopo. Si tratta di una guardia giurata che aveva avuto una relazione con la vittima.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Sparatoria a Ciampino, la ricostruzione

La ricostruzione di questo omicidio è ancora al vaglio degli inquirenti. Il corpo senza vita dell’unica vittima dell’agguato è stato rinvenuto all’interno dell’appartamento mentre poco fuori dall’abitazione giaceva a terra il secondo uomo ancora in vita. Le condizioni di quest’ultimo sono considerate molto gravi con i medici che non hanno ancora sciolto la prognosi.

Un agguato per questioni di cuore e non correlato alla mafia, come inizialmente ipotizzato dagli inquirenti. Un omicidio che ha sconvolto l’intera comunità di Ciampino.

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/carabinieri.it

Sparatoria a Ciampino, indagini in corso

La Procura ha aperto un fascicolo per cercare di ricostruire meglio la dinamica dell’omicidio. Le prime informazioni hanno fatto pensare ad un regolamento di conti legato alla malavita. Ipotesi smentita subito dopo il fermo della guarda giurata che ha confermato di aver avuto una relazione con la vittima.

Nelle ore successive all’omicidio i carabinieri hanno ascoltato i parenti e gli amici della vittima (il cadavere è stato trovato nell’appartamento). Sono gravi le condizioni della seconda persona rinvenuta poco fuori dalla casa. Sono in corso tutti i rilevamenti del caso per ricostruire meglio la dinamica di questo omicidio che sembra essere legato ad una questione di cuore.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/carabinieri.it

ultimo aggiornamento: 13-05-2020


Sette anarchici arrestati a Bologna con l’accusa di attentati ed eversione

Morte Bryant, il legale del pilota: “Kobe era al corrente dei rischi”