Sparatoria in South Carolina. Cinque persone hanno perso la vita, tra loro anche due bambini.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Sparatoria in South Carolina. Non si fermano gli episodi di violenza negli Stati Uniti e l’ultima tragedia è avvenuta nella mattinata italiana di giovedì 8 aprile 2021.

Come riportato dall’Adnkronos, cinque persone sono state trovate senza vita in una abitazione. Tra le vittime anche due bambini, oltre ai nonni e ad una persona che lavorava all’interno di questa casa. Un sesto cittadino è rimasto ferito e le sue condizioni sarebbero gravi. Sono in corso le indagini per accertare meglio quanto successo.

Un fermo

Sulla vicenda gli inquirenti preferiscono mantenere il massimo riserbo. Una persona sarebbe stata fermata, ma non sono stati riferiti ulteriori dettagli sull’identità e sui motivi di questa sparatoria.

Nei prossimi giorni saranno effettuati tutti gli accertamenti del caso. Una tragedia che ha portato alla morte di cinque persone, tra cui due bambini.

Ambulanza
Ambulanza

Joe Biden verso una stretta

L’ennesimo episodio di una sparatoria negli Usa potrebbe portare il presidente Joe Biden ad una stretta sulla vendita delle armi. Nelle prossime ore l’inquilino della Casa Bianca dovrebbe annunciare sei azioni per rafforzare il controllo.

Il dibattito è ormai in vita da diversi anni negli Stati Uniti e, ad oggi, non è mai stata trovata una soluzione. Il presidente Biden, quindi, sembrerebbe intenzionato a mettere in campo una stretta importante per evitare altri episodi simili. La vicenda del South Carolina, infatti, è una delle ultime e per questo serve un provvedimento molto duro per consentire di controllare maggiormente la vendita delle armi.

Una stretta destinata a provocare diverse proteste da parte dei cittadini. La posizione, infatti, è sempre stata molto diversa. Ma l’inquilino della Casa Bianca non sembra essere intenzionato a fare passi indietro e presto annuncerà le sue decisioni per limitare altri omicidi familiari.


Furbetti del vaccino, a Biella sessanta indagati

Coronavirus, la protesta delle palestre: il 20 per cento riapre nonostante le multe