Fine settimana di sangue a Washington: sparatoria nei pressi dello stadio, tre feriti. Nella giornata di venerdì morta una bimba di cinque anni.

Washington, paura allo stadio per una sparatoria durante la partita di baseball tra i Nationals e i san Diego Padres. L’allarme è scattato dopo che sono stati esplosi dieci colpi di arma da fuoco nei pressi dell’impianto. Di seguito il comunicato pubblicato sul sito ufficiale dei Nationals.

Washington, sparatoria nei pressi dello stadio

La partita è stata immediatamente sospesa e agli spettatori è stato consigliato di lasciare lo stadio e mettersi al sicuro. L’annuncio ha scatenato il panico sugli spalti. Le persone si sono date disordinatamente alla fuga in cerca di un riparo temendo un assalto armato. Immediato l’intervento della polizia che ha messo in sicurezza la zona.

Il bilancio

Il bilancio è di tre feriti: due si trovavano in una macchina coinvolta nella sparatoria, mentre il terzo soggetto ferito è una donna che era uscita dallo stadio ed è stata raggiunta da un proiettile.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
Ambulanza

Una bambina di cinque anni morta in una sparatoria

La sparatoria nei pressi dello stadio è avvenuta a poche ore di distanza da quella nella quale ha drammaticamente perso la vita una bimba di appena cinque anni.

Secondo la ricostruzione fornita dai media, i colpi di arma da fuoco sarebbero stati esplosi da una macchina in movimento. L’ipotesi più accreditata è quella di un litigio e non di uno scontro tra bande. Uno dei proiettili esplosi dalla macchina ha raggiunto una bambina di cinque anni, morta a causa delle gravi ferite.

Sul caso indagano gli inquirenti, che hanno stanziato una ricompensa da 60.000 dollari per chiunque comunicherà informazioni utili allo svolgimento delle indagini.

A New York la mamma salva il figlio da un rapimento

A New York la mamma è riuscita a salvare il figlio da un rapimento in pieno giorno. La donna, come raccontato dall’Ansa, è riuscita ad estrarre il bambino di cinque anni dal finestrino dell’auto poco prima della partenza della macchina.


Boris Johnson ci ripensa: andrà in isolamento dopo il contatto con un positivo

Maltempo, nubifragio a Palermo: strade allagate. Ingenti danni anche in Molise