Spari contro peschereccio italiano nei pressi di Tripoli. Ferito il comandante dell’imbarcazione.

TRIPOLI (LIBIA) – Spari a peschereccio italiano nei pressi di Tripoli. Secondo quanto riferito dall’Adnkronos, una motovedetta della Guardia Costiera libica ha esploso dei colpi di avvertimento nei confronti di due due imbarcazioni italiane

Il comandante di uno dei due pescherecci è rimasto ferito e trasferito su Nave Libeccio della Marina Militare per effettuare le prime cure. La Farnesina presto potrebbe iniziare ad attivare tutti i contatti del caso per avere maggiori informazioni su quanto successo e capire i motivi degli spari.

Libia, spari contro peschereccio italiano: un ferito

Le imbarcazioni italiane si trovavano a nord della costa di Tripoli, in acque internazionali ma nella zona di protezione di pesca libica. La Guardia costiera libica ha esploso colpi di avvertimento contro i pescherecci italiani. Immediato l’intervento delle navi della marina militare, intervenuta con la fregata Libeccio e un elicottero. Le autorità italiane hanno convinto quelle libiche a rilasciare l’imbarcazione.

Migranti
Migranti

Tensione con la Libia

Una vicenda che potrebbe portare ad una nuova polemica a livello internazionale. Da Tripoli hanno parlato di spari in aria, ma il sindaco di Mazara del Vallo ha smentito questa ricostruzione parlando di colpi esplosi ad altezza uomo. Il Ministero degli Esteri è al lavoro per cercare di avere maggiori notizie sull’accaduto.

Il rientro del peschereccio Aliseo a Mazara del Vallo

Nella mattinata dell’8 maggio il peschereccio Aliseo è tornato a Mazara del Vallo. L’equipaggio è stato accolto dal sindaco e dal vescovo. Presenti anche i familiari degli uomini dell’Aliseo. Gli uomini della Scientifica di Trapani saliranno sul peschereccio per i rilievi del caso che aiuteranno a ricostruire quanto accaduto in mare.


Covid, l’allarme di Save the Children: “96 mila mamme hanno perso il lavoro”

Perché la Certificazione verde rischia di trasformarsi in una stangata per il turismo