Il ministro della Salute Roberto Speranza sulla diffusione del coronavirus in Italia: “Ci teniamo pronti ad ogni evenienza, abbiamo bisogno di essere pronti”.

Intervenuto ai microfoni del TG3, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha fatto il punto sull’emergenza coronavirus commentando i dati dell’Italia e quelli dell’Europa.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Coronavirus, Speranza: “Escludiamo al momento interventi più larghi”

“Sullo stato di emergenza faremo una valutazione da qui a qualche settimana quando arriverà a scadenza e ci teniamo pronti ad ogni evenienza nel senso che abbiamo bisogno di essere pronti a misure qualora dovessero essere necessarie a livello di piccoli territori, a livello diciamo sub-provinciale, escludiamo in questo momento interventi più larghi”, ha dichiarato il ministro Speranza. Al momento l’orientamento è quello indicato dal premier Conte nelle scorse settimane: interventi a livello locale e no a nuove chiusure generali.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Riapertura degli stadi e scuole

Parlando della riapertura degli stadi Speranza ha ribadito il suo no al riempimento fino al 25% della capienza.

“Penso che dobbiamo puntare le nostre energie sulle cose essenziali, non possiamo permetterci rischi impropri, in questo momento la priorità è la scuola. La scuola ha oramai riaperto in tutta Italia, stiamo ancora monitorando per capire quali sono le conseguenze relative. Devono passare un po’ di giorni, un po’ di settimane e capire bene qual è la reazione sul piano epidemiologico dell’apertura delle scuole“.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Speranza e l’emergenza coronavirus in Gran Bretagna

Inevitabile una riflessione sull’emergenza coronavirus che sta interessando la Gran Bretagna.

“Abbiamo un vantaggio rispetto ad altri Paesi e proveremo a difendere questo vantaggio con tutte le energie, oggi il test viene fatto dalle aree che abbiamo ritenuto più a rischio, alcuni di questi Paesi stanno un po’ meglio e non escludiamo che possano essere tolti dalla lista, altri, potranno entrare. Sicuramente il Regno Unito è un Paese molto importante, lo stiamo monitorando con grande attenzione, sulla base dell’evoluzione epidemiologica

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-09-2020


Argentina, scandalo a luci rosse in Aula: deputato bacia la compagna sul seno scoperto, le immagini finiscono sul maxi-schermo

Conte, “Epidemia ci consegna l’opportunità per un nuovo inizio”