Il ministro Speranza sui No Vax: “Si sta superando il limite. Con il Green Pass speriamo di non dover più chiudere”.

LIVORNO – Il ministro Speranza a margine di una festa di Articolo Uno è ritornato sulle proteste dei No Vax: “In questo momento si sta superando il limite, la violenza non può mai essere tollerata. Esprimo solidarietà ai tanti colpiti da minacce e da violenti attacchi. Dal ministro Di Maio al professor Bassetti, fino ai giornalisti, sono ormai in troppi a subire le invettive e le aggressioni da parte di questi manifestanti“.

Speranza sul Green Pass

Il ministro Speranza, oltre a confermare la possibilità di effettuare a breve la terza dose, ha parlato anche del Green Pass. “Crediamo che sia uno strumento intelligente per gestire questa fase – ha detto il titolare della Salute riportato da La Repubblicama soprattutto una misura per garantire ampi sempre più ampi di socialità. Il nostro obiettivo è quello di non dover replicare chiusure“.

“Il momento è molto delicato – ha aggiunto – ma noi vogliamo superarlo con gli strumenti che abbiamo a disposizione. Ora il Green Pass entra in vigore anche sui treni a lunga percorrenza, traghetti e aerei per consentire viaggi sicuri e una ampia libertà di movimento“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Roberto Speranza
Roberto Speranza

La protesta dei No Green Pass

In questo intervento il ministro Speranza, come riportato da La Nazione, ha condannato anche la protesta dei No Green Pass prevista per mercoledì 1 agosto 2021: “Siamo in uno stato di diritto e le leggi devono essere rispettate […]. 130mila persone non ci sono più e i nostri ospedali continuano ad essere in grandissima difficoltà. Non possiamo e non dobbiamo arretrare. Il nostro compito resta quello di far rispettare le norme e interrompere un pubblico servizio o bloccare le stazioni ferroviarie non deve avvenire […]. Il Green Pass non ci toglie la libertà, ma ci permette di avere più spazi“.

TAG:
coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 31-08-2021


Minacce no Vax a Di Maio: “Un altro infame da giustiziare”. Poi la proposta: “Bombardiamo Palazzo Chigi”

Afghanistan, Lamorgese: “Piena disponibilità dei Paesi Ue ad accogliere i profughi”