Covid, Speranza: “Siamo ancora dentro una pandemia terribile che ci vede combattere con armi nuove e più efficaci”.

Intervenuto al W20 Women Rome Summit, il ministro della Salute Roberto Speranza ha parlato dell’emergenza coronavirus e dell’andamento della pandemia. Speranza ha confermato che siamo ancora nella pandemia e che abbassare la guardia è un errore che non possiamo permetterci soprattutto in un momento come questo, caratterizzato dalla diffusione delle varianti.

Speranza al W20 Women Rome Summit

Siamo ancora dentro una epidemia terribile che ci vede combattere con armi nuove e più efficaci ma guai ad abbassare la, guardia. Nelle ultime settimane tocchiamo con mano elementi di significativa ripresa del contagio dovuto alla variante Delta“, ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza. “Siamo però in una fase diversa perché abbiamo l’arma dei vaccini, la più importante e oggi abbiamo superato in Italia 58 milioni di dosi somministrate e dobbiamo continuare con questo ritmo“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Roberto Speranza
Roberto Speranza

L’importanza di avere un sistema sanitario efficiente

Speranza ha parlato anche dell’importanza del servizio sanitario nazionale che deve essere competitivo e accessibile a tutti. Come detto da Papa Francesco, si tratta di un bene enorme da tutelare e custodire.

Dentro questa crisi drammatica della pandemia le persone in tutto il mondo hanno capito fino in fondo che i servizi sanitari nazionali sono davvero la cosa più importante che abbiamo e dobbiamo difenderli con ogni energia: per troppo tempo le tabelle dei nostri uffici di bilancio hanno deciso quanto diritto alla salute poteva essere tutelato. Io penso che sia arrivato il momento ovunque di rovesciare questo schema: non sono le tabelle a decidere ma è il diritto alla salute, inalienabile, a decidere cosa c’è scritto nelle tabelle di bilancio“.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 13-07-2021


Covid, Macron: “Ripresa dell’epidemia. È una nuova gara di velocità”

Come si vota al Senato e come funziona il voto a scrutinio segreto