Cos’è e come funziona lo split payment? Cosa occorre conoscere su questo argomento.

Split Payment

Come prima cosa. è importante sapere che dal 2017 subisce un estensione anche ai professionisti soggetti a ritenuta d’acconto, raggiungendo pertanto una base molto più ampia.

Ma cos’è lo Split Payment?

Lo split payment è il meccanismo di liquidazione dell’IVA che è stato introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 la N°190/2014, e tale strumento lo si applica nei rapporti tra imprese private e Pubblica Amministrazione, adottando il meccanismo dei cosiddetti pagamenti divisi.

Il funzionamento dello split payment

Tale operazione che soprassiede allo split payment, va suddivisa in due parti:

In questa prima il soggetto imprenditoriale verserà l’ammontare dovuto dell’operazione al netto dell’IVA

La seconda parte è quella nella quale l’Ente che recepisce il denaro, versa a sua volta lo stesso come IVA a debito dovuta sull’operazione considerata.
Da quest’anno questa forma di pagamento split è estesa anche a chi sta sotto regime di ritenuta d’acconto.

Chi deve versare attraverso lo Split Payment

Ecco a seguire la lista dei soggetti giuridici che devono versare:

  • lo Stato
  • gli organi dello Stato se dotati di personalità giuridica
  • gli enti pubblici territoriali
  • i consorzi costituiti tra enti pubblici ai sensi dell’art. 31, D.Lgs. n. 267/2000
  • le CCIAA
  • le università
  • le ASL
  • gli enti ospedalieri
  • gli enti pubblici di ricovero e cura che abbiano carattere scientifico
  • gli enti pubblici di assistenza e beneficenza
  • gli enti di previdenza

Entrando maggiormente nello specifico occorre dire che l’ambito oggettivo di applicazione del meccanismo di questo pagamento non viene applicato a tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti delle P.A. e in relazione ai casi che seguono:
operazioni assoggettate a regimi speciali che non prevedano l’indicazione in fattura dell’IVA
cessioni di beni e prestazioni di servizi per le quali i cessionari o committenti siano debitori d’imposta, prestazioni di servizi che sono soggette a ritenuta alla fonte a titolo d’acconto.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 10-05-2017


Moneta digitale le principali valute

Precompilata 2017 cosa fare e cosa scrivere o non scrivere