Coronavirus, Spadafora illustra il nuovo dpcm per quanto riguarda gli sport di contatto. Cosa cambia alla luce delle nuove disposizioni.

Stop allo sport di contatto: cosa cambia con il dpcm del 18 ottobre. Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora prova a fare luce sulle disposizioni contenute nel nuovo dpcm, che porta una nuova stretta al mondo sportivo.

Vincenzo Spadafora
Vincenzo Spadafora

Dpcm, Spadafora sugli sport di contatto: “La squadra di una scuola calcio di giovanissimi potrà allenarsi, ma senza giocare partite”

In un post condiviso sulla propria pagina Facebook, il ministro Spadafora prova a fare chiarezza su chi potrà andare avanti (e come) e chi invece dovrà fermarsi.

“Proseguono partite e gare sportive dilettantistiche a livello regionale e nazionale, mentre per il livello provinciale, società e associazioni sportive ed enti di promozione proseguiranno gli allenamenti degli sport di squadra ma solo in forma individuale, come le squadre di serie A all’inizio della fase due. Per fare un esempio: la squadra di una scuola calcio di giovanissimi o pulcini potrà continuare ad allenarsi, ma senza giocare partite“, specifica il ministro dello Sport nel suo post Facebook.

Palestre, piscine e centri sportivi restano aperti! Proseguono partite e gare sportive dilettantistiche a livello…

Pubblicato da Vincenzo Spadafora su Domenica 18 ottobre 2020

Palestre e piscine, una settimana di controlli

Spadafora parla anche dell’altro tema caldo del confronto nato in seno al governo, quello sulle palestre e le piscine. La questione si è risolta di fatto con una sorta di ultimatum. La situazione sarà monitorata per i prossimi sette giorni, poi si deciderà se continuare a tenere aperte le strutture o se procedere con la chiusura.

“Nelle prossime ore, insieme ai rappresentanti del settore, studieremo ulteriori misure di sicurezza per una maggiore tranquillità di tutti e scongiurare possibili chiusure.

Vi rivolgo però un appello accorato: fate attenzione e rispettate al massimo le regole, in palestra come in qualsiasi altro luogo. È un momento davvero critico, non abbiamo ancora vinto la nostra guerra contro il coronavirus.

Ho combattuto per arrivare a questa scelta ma dobbiamo essere tutti consapevoli del momento difficile per il Paese, che ci deve obbligare ad un rispetto rigoroso dei protocolli“.


Alla scoperta della Dinamo Kiev, la squadra ucraina nel girone della Juventus

Atletica, primato italiano di Antonella Palmisano nella 10 km