Michela Moioli e Lorenzo Sommariva d’argento ai Mondiali di snowboardcross. Oro all’Australia nella prova a squadre.

ROMA – Michela Moioli e Lorenzo Sommariva d’argento ai Mondiali di snowboardcross di Idre Fjall. I due azzurri nella prova a squadre hanno confermato l’argento di due anni prima a Solitude. La bergamasca in quella prova era in coppia con Omar Visentin (sesto con Raffaella Brutto in questa edizione iridata n.d.r.).

La medaglia d’oro è andata all’Australia 1, la Francia 2 ha completato il podio con un terzo posto importante. Seconda medaglia per Moioli dopo l’argento nella prova individuale.

Moioli: “Giornata molto positiva”

Molto contenta Michela Moioli dopo il secondo posto: “E’ stata una giornata positiva – ha ammesso la bergamasca ai microfoni della Fisisono molto contenta di avere gareggiato insieme a Lorenzo (Sommariva n.d.r.), che è un grande compagno di squadra e un ottimo amico, ha fatto una splendida gara sin dai quarti di finale. Mi dispiace solamente perché ad un certo punto in finale pensavo di aver vinto, ma l’australiana mi si è messa in scia e si è presa la posizione. Non posso recriminare, brava lei che era più veloce. Queste due medaglie conquistate mi danno tanta fiducia in vista dei prossimi impegni […]. Adesso ci trasferiamo direttamente in Austria per la prossima tappa del circuito e partirà una nuova sfida […]“.

Fisi
fonte foto https://www.facebook.com/FISIFederazioneItalianaSportInvernali

Attesa per la discesa di Cortina

Grande attesa per le due discese di Cortina. In chiave femminile poche speranze per le azzurre. Non sarà semplice salire sul podio con Lara Gut-Behrami favorita per la vittoria finale. A pesare per le azzurre è sicuramente l’assenza di Sofia Goggia, la grande favorita prima del grave infortunio.

Tra i maschi Dominik Paris cercherà di muovere il medagliere della nostra nazionale. Potrebbe essere lui il primo azzurro a conquistare una medaglia in questi Mondiali in casa.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/FISIFederazioneItalianaSportInvernali


Gli Australian Open ritornano a porte chiuse per il Covid

Nel governo Draghi non c’è il ministro dello Sport