Fase 2, spostamenti tra Regioni dal prossimo 3 giugno (con limitazioni)

Spostamenti tra le Regioni dal 3 giugno (con limitazioni). La bozza del decreto

Fase 2 coronavirus, dal 3 giugno autorizzati gli spostamenti tra le Regioni (ma con limitazioni). La bozza del decreto

Governo al lavoro sul nuovo decreto che dovrà fare luce dal secondo step della fase 2 che inizierà dal prossimo 18 maggio. Trovato l’accordo sulle aperture anticipate – ma l’ultima parola spetterà ai governatori -, resta da sciogliere il nodo sugli spostamenti tra le Regioni, che dovrebbero essere autorizzati dal prossimo 3 giugno.

Manca l’ufficialità, che arriverà solo dopo il confronto tra il governo e le Regioni e il Consiglio dei Ministri, chiamato ad approvare il decreto.

Spostamenti tra le Regioni dal prossimo 3 giugno

Stando alla bozza del decreto che dovrebbe essere presentato al Paese dal premier Conte nelle prossimo ore, gli spostamenti tra le Regioni dovrebbero essere autorizzati dal prossimo 3 giugno. Fino a quella data saranno possibili solo per comprovata necessità, ritorno presso la propria residenza o domicilio o motivi di lavoro. E dovranno essere giustificati con l’autocertificazione.

Autostrada A1
Autostrada A1

La bozza del decreto

A decorrere dal 3 giugno 2020, gli spostamenti sul territorio nazionale possono essere limitati solo con provvedimenti in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree“, recita la bozza del decreto come riportato da il Corriere della Sera.

Le limitazioni

Ma ci sono delle limitazioni. Gli spostamenti ovviamente saranno consentiti in assenza di restrizioni da parte delle Regioni e in assenza di zone rosse, che impedirebbero il trasferimento.

Il confronto tra il governo e le Regioni

La bozza del decreto è al vaglio anche dei governatori delle Regioni. Il vertice con il governo anticipa il Consiglio dei Ministri che dovrebbe dare il definitivo via libera al testo. Il confronto con le autorità regionali non è semplice, in quanto alcuni governatori chiedono di anticipare la libera circolazione sul territorio nazionale già dal prossimo 18 maggio.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 15-05-2020

X