Spread, la BCE avvisa l’Italia: Le regole vanno seguite

La BCE chiede ai governi di abbassare un po’ i toni: “L’innalzamento dello spread mostra che le regole vanno seguite”.

ROMA – Giornata tranquilla per quanto riguarda l’economia. Non ci sono state particolari tensione ma la BCE chiede di abbassare un po’ i toni: “Il caso dell’Italia – precisa il vicepresidente della Banca Luis De Guindosdimostra che è importante seguire le regole. Ogni volta che ci sono tensioni con Roma lo spread sale. Per quanto riguarda l’economia italiana il problema resta la bassa crescita“.

C’è spazio anche per l’Europa: “Il rallentamento della crescita dell’Eurozona – si precisa nel Rapporto di stabilità finanziaria riportato dalll’ANSA può essere attribuito alla spinta più debole della domanda estera, così come ad alcuni fattori specifici di Paesi e di settori economici, come alcune discontinuità nel settore automobilistico tedesco e l’impatto sulla fiducia delle incertezze politiche, e di policy, in Italia“.

Banca centrale europea
Fonte foto: https://www.facebook.com/Banca-Centrale-Europea

Lo spread sale e la BCE richiama tutti ad abbassare i toni: “Alcune banche continuano ad essere vulnerabili”

Nel Rapporto sulla stabilità finanziaria si parla anche di Banche: “Alcuni istituti continuano ad essere vulnerabili ad un possibile aggravarsi dei timori sul rischio sovrano dal momento che la situazione patrimoniale delle banche con importi ragguardevoli di bond sovrani, messi a bilancio al fair value, resta esposta a improvvisi aumenti dei premi rischio“. Tra i Paesi più a rischio restano Italia e Portogallo dove “l’esposizione al debito sovrano nazionale rimane elevata o è aumentata dagli inizi del 2018“.

Una situazione, quella del nostro Paese, che continua a rimanere molto critica. La BCE chiede a tutti di abbassare un po’ i toni per consentire allo spread di non far salire ancora di più un livello che continua ad essere molto elevato. Anche se le ultime vicende non lasciano spazi ad un calo di tensione che ormai dura da diverso tempo.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Banca-Centrale-Europea

ultimo aggiornamento: 29-05-2019

X