Mondiali Biathlon 2019, Italia di bronzo nella staffetta mista

Mondiali Biathlon 2019, inizio con il botto per l’Italia. Bronzo nella staffetta mista. Oro alla Norvegia, bronzo alla Germania.

OESTERSUND (SVEZIA) – I mondiali di biathlon per l’Italia si aprono con una medaglia di bronzo conquistata nella staffetta mista. A salire sul podio sono Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer, Dominik Windisch e Lukas Hofer, autori di una grande prova. Il quartetto azzurro ha concluso alle spalle di Norvegia (oro) e Germania (argento) ma è riuscita a tenere dietro squadre del calibro di Russia e Svezia.

Un inizio fantastico di gara fantastico per i nostri azzurri firmato Lisa Vittozzi. Zero errori per una delle favorite della gara individuale e passaggio di testimone a Dorothea Wierer. La compagna non è perfetta al poligono (1 errore al primo giro e 2 al secondo) consegnando la gara nelle mani di Lukas Hofer in seconda posizione. In questa fase la nostra nazionale si difende alla perfezione dagli attacchi degli avversari anche se il margine su Germania e Norvegia inizia a diventare importante. La Svezia nell’ultima parte di gara cerca il clamoroso recupero ma Windisch riesce a rimanere freddo all’ultimo poligono (1 errore) e conquistare una medaglia di bronzo molto importante.

Italia Biathlon
La gioia degli azzurri dopo il bronzo (fonte foto https://twitter.com/Fisiofficial)

Mondiali Biathlon 2019, la felicità degli azzurri

Una medaglia di bronzo che dà fiducia per il futuro in casa Italia come conferma – riportata da La Gazzetta dello Sport – Lisa Vittozzi: “Questa medaglia mi mancava e sono molto contenta della mia prestazione. Un buon inizio, ci dà fiducia per il prosieguo della competizione vedremo come andrà“. Gli fa eco anche Dorothea Wierer: “Dispiace per i due errori a terra ma sono contenta di aver rimediato. Ci siamo confermati ai Mondiali conquistando una medaglia che mancava. Abbiamo rotto il ghiaccio ma ancora ci sono tante gare. Nella sprint è prevista moltissima neve ma mi sento bene e speriamo di fare una bella prestazione. Oggi stavo bene per cercare di superare le avversarie ma mi è stato raccomandato di mantenermi in scia“.

Soddisfazione anche da parte di Lukas Hofer: “C’è stata un po’ di sofferenza perché per il numero di ricariche eravamo campioni del mondo. Contenti del risultato. Ora sfrutteremo il giorno di riposo in più per allenarci in vista della sprint“. Chiude Dominik Windisch: “Un peso ma anche un onore essere l’ultimo staffettista. Siamo una squadra unita e in questi momenti riusciamo a tirare fuori più del solito“.

ultimo aggiornamento: 07-03-2019

X