Tragedia negli Stati Uniti. Un leone è scappato dal recinto di uno zoo e ha ucciso una inserviente di 22 anni. L’animale è stato abbattuto.

BURLINGTON (STATI UNITI) – L’ultima domenica dell’anno si è trasformata in tragedia negli Stati Uniti. Nel centro naturalistico di Burlington, nel North Carolina, un leone è scappato dal recinto sbranando una inserviente di 22 anni. Per la giovane non sono serviti gli immediati soccorsi: le ferite riportate erano troppo gravi ed è morta poco dopo.

Sulla vicenda è stata aperta un’indagine per capire i motivi di questa tragedia. L’animale ha abbandonato lo spazio che in realtà doveva essere chiuso. Probabilmente una disattenzione che è costata molto cara alla giovane ragazza. Il leone è stato abbattuto per permettere alla 22enne di essere soccorsa.

Stati Uniti, tragedia a Burlington: morta una ragazza di 22 anni

Il centro naturalistico è stato aperto nel 1999 e ospita oltre 80 animali tra cui leoni e tigri. Dal 2007 è stata aperto ai visitatori che ogni anno superano i 15mila l’anno. In una nota la struttura ha voluto esprimere le condoglianze alla famiglia della ragazza: “Il Conservators Center è devastato dalla perdita di una vita oggi“.

Si tratta di un incidente che ha sconvolto l’intera città di Burlington. La giovane stava pulendo l’area quando il leone è uscito dal recinto e l’ha sbranata per motivi ancora da individuare. La vittima aveva 22 anni ed era alla prima settimana di lavoro visto che si era laureata da poco all’Università dell’Indiana.

Sulla vicenda indagano gli inquirenti che vogliono capire come si sono svolti realmente i fatti per eventualmente iscrivere le persone sul registro degli indagati. Una morte tragica di una ragazza di 22 anni mentre era al lavoro. La struttura rimarrà chiusa nei prossimi giorni almeno fino a quando non si è chiusa l’intera vicenda.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
burlington esteri Stati Uniti zoo

ultimo aggiornamento: 31-12-2018


Russia, esplosione in un condominio a Magnitogorsk

Morta Nancy Grace Roman, la prima donna della NASA