Tensione sempre più alta tra gli Stati Uniti e l’Iran. Washington è pronta a inviare navi e bombardieri, Teheran risponde con il nucleare.

WASHINGTON (USA) – Soffiano venti di guerra tra gli Stati Uniti e l’Iran. Il Pentagono, attraverso il segretario a interim Patrick Shanahan, ha approvato l’invio di una flotta da guerra e di bombardieri in Medio Oriente come “un prudente riposizionamento dei nostri asset in risposta alle indicazioni di una credibile minaccia da parte delle forze del regime iraniano. Sollecitiamo il regime iraniano a mettere fine ad ogni provocazione“, ha aggiunto.

Stati Uniti all’offensiva

La stretta americana su Teheran non si placa. Dopo aver tolto ogni esenzione alle sanzioni sull’import di petrolio iraniano e designato i guardiani della rivoluzione islamica come “terroristi”, gli Stati Uniti hanno annunciato l’invio in Medio Oriente di una flotta da guerra guidata dalla portaerei Abraham Lincoln e una task force di bombardieri. Sono previste, inoltre, nuove sanzioni verso l’economia del Paese persiano, in particolare nel settore energetico.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre


https://www.youtube.com/watch?v=d7RvTU4wXPc

Il piano nucleare

Da Teheran non si è fatta attendere la replica all’offensiva americana. Il presidente iraniano Rohani dovrebbe annunciare la ripresa parziale del programma nucleare, rimanendo comunque nell’accordo “5+1” siglato nel 2015. Proprio domani sarà un anno che gli Stati Uniti sono usciti dall’accordo. L’Iran si muoverebbe nell’ambito degli articoli 26 e 36: se una delle parti non rispetta gli obblighi, la controparte può riprendere il programma nucleare.


Terremoto in Papua Nuova Guinea, scossa di magnitudo 7.2

E’ morta Norma Miller, la regina dello swing