Diverse manifestazioni negli Stati Uniti a sostegno di Donald Trump. In alcune scontri tra gruppi estremisti. La protesta è contro la decisione della Corte Suprema contro la richiesta del Texas di ribaltare il voto.

WASHINGTON – Notte di tensione e scontri negli Stati Uniti al termine di alcune manifestazioni a favore di Donald Trump.

Stati Uniti, manifestazioni pro Trump

Nella giornata di sabato in diverse città americane migliaia di sostenitori del tycoon sono scesi in strada per protestare contro la decisione della Corte Suprema di non sostenere l’azione legale promossa dal Texas per ribaltare l’esito del voto. Al termine, si sono verificati scontri violenti con tafferugli.

Washington, scontri con feriti e arresti

La situazione è degenerata in particolare a Washington. Nella capitale degli Stati Uniti si sono affrontati gruppi di estrema destra Proud Boys e attivisti Antifa alla seconda Million MAGA March. La polizia è intervenuta con spray al peperoncino. Il Dipartimento ha reso noto che quattro persone sono state accoltellate e una ferita con un colpo d’arma da fuoco. Un sospetto è stato arrestato in seguito ad una sparatoria a Olympia.

Trump: “Battaglia è solo all’inizio”

Abbiamo appena iniziato a combattere!!!“. Così ha twittato Donald Trump salutando i suoi sostenitori a Washington per protestare contro l’elezione di Joe Biden, che sarà formalizzata lunedì col voto dello Us Electoral College. “Wow! Migliaia di persone si stanno riversando per le strade di Washington per stoppare il furto delle elezioni. Non lo sapevo, ma li ho visti!“, ha aggiunto il tycoon.

https://www.youtube.com/watch?v=OIN0vNpdoFQ&ab_channel=ticinonline

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
Corte Suprema Donald Trump Joe Biden manifestazioni Texas Washington

ultimo aggiornamento: 13-12-2020


Coronavirus, ecco quando partirà la campagna di vaccinazione

Quanto guadagna un virologo?