Economia, le stime di Fmi per il 2019: Italia in calo

Fmi taglia le stime di crescita per l’Italia. Ma frena tutta l’Eurozona

Fmi taglia le stime di crescita dell’Italia che cala allo 0,1% per quanto riguarda il 2019. Le stime confermate dal governo nel Def approvato in Consiglio dei Ministri.

Il Fondo Monetario Internazionale taglia ancora le stime di crescita dell’Italia. Secondo le ultime stime la crescita, rispetto al documento datato ottobre 2018, scendono di quasi un punto percentuale fissando la crescita dell’Italia allo 0,1%.

Fmi taglia le stime di crescita dell’Italia

Per quanto riguarda il 2020 il Fmi non ha apportato modifiche all’ultimo documento confermando una crescita dello 0,9% che potrebbe essere rivisto al rialzo nel caso in cui i provvedimenti messi in campo dal governo italiano dovessero rispettare le previsioni di Lega e Movimento Cinque Stelle, convinti di poter riattivare l’economia del paese grazie alla politica espansiva promossa e difesa anche dal premier Giuseppe Conte in occasione dei suoi colloqui con l’Unione europea.

Calcolatrice
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/calcolatore-calcolo-assicurazione-385506/

Le stime confermate dal governo italiano nel Def approvato in Consiglio dei Ministri

La stessa cifra è stata confermata dal governo che in Consiglio dei ministri ha approvato il Def rivedendo al ribasso le stime di crescita dell’economia italiana.

Fmi, rallenta l’Eurozona ma l’Italia è tra i fattori di rischio

Il Fondo Monetario Internazionale ha comunque voluto sottolineare come il rallentamento dell’economia interessi tutta l’Eurozona e non solo l’Italia. La guerra dei dazi tra Cina e Usa ha portato a un arresto anche della Germania, storicamente locomotiva dei paesi della zona euro.

L’Italia, nelle stime di Fmi, rientra però tra i fattori di rischio e potrebbe aggravare il quadro economico europeo.

ultimo aggiornamento: 10-04-2019

X