Alitalia, gli stipendi di maggio in ritardo. I commissari: “Sarà pagato solo il 50 per cento”. I sindacati: “Basta rinvii”.

ROMA – Ancora ritardi sugli stipendi dei dipendenti di Alitalia. Come riportato dall’Ansa, i sindacati hanno fatto sapere ai lavoratori che il 28 maggio sarà pagato solo il 50% della retribuzione. Il resto dovrebbe arrivare subito dopo il 3 giugno con i soldi stanziati con il decreto Sostegni.

Una situazione che, nonostante un accordo trovato con l’Unione Europea per la ripartenza, continua ad essere molto critica.

La nota dei commissari

Ad annunciare il ritardo degli stipendi sono stati i commissari in una nota. “A seguito dell’approvazione del finanziamento per Alitalia – si legge – ed in attesa dei tempi necessari alla effettiva erogazione dello stesso, provvediamo in ogni caso al pagamento, con valuta 28 maggio, del 50% degli stipendi. Stiamo lavorando per accelerare il pagamento del rimanente 50%, che sarà accreditato non appena avremo evidenza circa i tempi di erogazione delle risorse stanziate per la compagnia“.

Alitalia
Alitalia

I sindacati

Dura la reazione dei sindacati. “I commissari – si legge in una nota – hanno ribadito che ad oggi non sono giunti nelle casse i 100 milioni stanziati dal decreto sostegni bis e neanche i 50 milioni annunciati il mese scorso dal ministro Giorgetti, il tutto ascrivibile alla burocrazia. La compagnia si è impegnata ad attivare subito l’erogazione del 50% delle retribuzioni con le disponibilità di casse residue. Si è deciso di mantenere aperto il tavolo per procedere al più presto, una volta avuta certezza sull’esigibilità delle risorse stanziate dal governo, all’erogazione del restante 50%, nei primi giorni del mese di giugno, indicativamente entro il 3 giugno“.

Nell’incontro tra i sindacati e i commissari le parti sociali hanno “ribadito come la certezza delle retribuzioni sia elemento imprescindibile ed indicativo del rispetto dei lavoratori e non possono essere tollerati ulteriori ritardi“. Un braccio di ferro destinato a durare ancora per diverse settimane.


Elkann: “Nel 2025 il primo modello elettrico di Ferrari”

Borse 27 maggio, Piazza Affari in positivo. Istat: fiducia in recupero con le riaperture