Il sottosegretario della Giustizia fa una proposta per togliere il reddito di cittadinanza con il fine di contrastare la violenza tra i minori.

La proposta del leghista Ostellari, sottosegretario alla Giustizia, riguarda il contrasto alla violenza dei minori. Il sottosegretario ha avanzato un disegno di legge per eliminare le baby gang risalente alla scorsa legislatura. La volontà di Ostellari è ripresentare questo testo “per dare un segnale ai giovani e a i loro genitori». Come spiega il leghista, la legge prevede, oltre ad una punizione per chi commette violenza, ma anche l’interruzione dell’erogazione del sussidio di stato, il reddito di cittadinanza per la famiglia.

Tribunale Corte Costituzionale
Tribunale

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I provvedimenti contro i minori che commettono atti violenti e vandalici

I minori di 14 anni che commettono un’azione violenta saranno soggetti ad ammonizioni dinanzi i genitori, dai 14 ai 18 anni “lavori socialmente utili subito oppure processo ordinario subito con pena senza sconti» spiega il sottosegretario. Tra i provvedimenti c’è la sospensione del reddito di cittadinanza eventualmente percepito dalla famiglia e dell‘assegno unico. «La giustizia nel nostro Paese è ancora considerata un costo e non una risorsa, dobbiamo cambiare paradigma, visione e investire in personale e magistrati, solo così avremo la possibilità di cambiare il nostro sistema» ha detto il senatore leghista.

L’obiettivo della legge è quello di cercare di «risolvere il problema stesso delle baby gang e per dare un segnale ai giovani e ai loro genitori». Un fenomeno, quello della criminalità giovanile, in costante aumento soprattutto dopo il Covid. Sempre più atti di bullismo e violenza per strada commessa da minori che si scatenano violentemente sui più deboli che siano coetanei o insegnanti, negozianti e pubblici ufficiali.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-11-2022


G20: Meloni lancia il fondo per la salute

Covid, Schillaci: “Quarantena breve, stop tampone finale”