Una mattanza nelle strade italiane: 16enne uccisa sulle strisce pedonali a Torino
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Una mattanza nelle strade italiane: 16enne uccisa sulle strisce pedonali a Torino

strisce pedonali

Un tragico incidente mette in luce le sfide della sicurezza stradale nella città di Torino, uccisa 16enne.

Il cuore della città di Torino è stato scosso da una tragedia stradale che ha visto protagonista una giovane studentessa 16enne, Emilia Maidaska. Originaria di Odessa, Ucraina, Emilia era nel bel mezzo della sua routine quotidiana, diretta a scuola, quando la fatalità ha bussato alla sua porta.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

strisce pedonali
strisce pedonali

Cronaca dell’incidente

Emilia stava attraversando la strada, diretta a prendere il pullman per il liceo artistico Passoni, dove frequentava il terzo anno. Era una giornata di maltempo, con una pioggia battente che riduceva la visibilità. L’automobilista coinvolto, nonostante i suoi sforzi, non è riuscito ad evitare l’impatto, causando la morte istantanea della giovane.

La tragica vicenda ha riacceso i riflettori sulla questione della sicurezza stradale a Torino, soprattutto in relazione agli attraversamenti pedonali. Solo il giorno precedente, in commissione trasporti a Palazzo Civico, era stata discussa una mozione presentata dal consigliere di Torino Bellissima Pierlucio Firrao riguardo la sicurezza dell’attraversamento pedonale all’angolo con via Signorelli.

Stefano Del Mastro, residente del quartiere, ha espresso la sua preoccupazione per l’alta velocità con cui gli automobilisti percorrono quella zona, non rispettando spesso il semaforo rosso.

Chiamata alle autorità

Le voci della comunità chiedono ora un’azione decisa per migliorare la segnalazione e la visibilità degli attraversamenti pedonali. Ludovica Mautino, segretaria dell’associazione Crescendo, ha sottolineato come l’indicatore lampeggiante presente fosse poco visibile, soprattutto in condizioni di buio e pioggia come quella mattina.

Il triste destino di Emilia sottolinea l’urgente necessità di interventi mirati per garantire la sicurezza di pedoni e automobilisti sulle strade torinesi, e prevenire che simili tragedie si ripetano in futuro.

La cittadinanza è scossa, e l’eco di questa tragedia risuona come un monito per affrontare con serietà e determinazione le sfide della sicurezza stradale a Torino.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2023 10:53

Si cerca Kata senza sosta: iniziano gli scavi nell’ex hotel Astor

nl pixel