Torino, scoppia petardo durante la finale di Champions: mille feriti, un bimbo è grave!

In Piazza San Carlo, a Torino, lo scoppio di un petardo ha scatenato il panico tra la folla che assisteva alla finale di Champions. Un bambino sarebbe in fin di vita…

TORINO – Una Piazza San Carlo gremita di tifosi bianconeri per assistere davanti al maxi-schermo alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid. Poi, a un certo punto, un boato, la caduta di una pesante transenna e la folla che ha iniziato a darsi alla fuga in preda al panico. La calca ha provocato qualcosa come un migliaio di feriti, la maggior parte medicata per contusioni e tagli a causa della caduta su cocci di vetro. Tra essi, otto sono in gravi condizioni: in particolare, un bambino ricoverato al “Regina Margherita” con un trauma cranico e toracico da schiacciamento sarebbe in fin di vita. Molto serie le condizioni di una giovane che è stata intubata e trasportata alle “Molinette” con lesioni al torace sempre per le stesse cause.

Indagini e polemiche

Il Questore di Torino, Angelo Sanna, ha dichiarato: “Potrebbe essere stato un petardo, fatto esplodere forse in modo incosciente, a scatenare il panico“. La Polizia sta visionando le telecamere per capire l’esatta dinamica dell’accaduto. Alle 23, Piazza San Carlo era ormai svuotata con il rumore delle sirene ancora in azione. L’incidente ha fatto esplodere le prima polemiche sulla sicurezza, sull’opportunità di questi eventi e sulla mancanze di vie di fuga.

Come l’Heysel…

Tra i tanti tifosi presenti nella piazza di Torino, un anziano signore che con la mente e gli occhi è tornato indietro di 32 anni, a quel 29 maggio 1985. “Sembrava l’Heysel, io c’ero, sono sconvolto…“. In diretta su Premium, il presidente della Juventus Agnelli: “Ho saputo che a Torino ci sono stati incidenti nella piazza di Torino, non ho informazioni precise sulla dinamica, ma vorrei esprimere la mia solidarietà a chi è rimasto ferito“.

ultimo aggiornamento: 04-06-2017

X